Nuovo rischio stop per la Formazione professionale nella nostra isola e in particolare per l’avviso 3.

Il Tar Sicilia ha infatti giudicato ammissibile il ricorso presentato dall’Isem, Associazione Istituto per la Promozione e Formazione Professionale e per lo Sviluppo Siciliano contro l’ Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale della Regione siciliane in merito al famigerato Avviso 3, relativo alle operazioni formative per il rafforzamento dell’occupabilità della popolazione siciliana in età lavorativa – Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione – Programma Operativo della Sicilia – Fondo Sociale Europeo 2014-2020 e fissato il giudizio pur senza pronunciare sospensiva

Secondo il TAR il provvedimento impugnato introduce novità rilevanti rispetto a quanto previsto nei precedenti avvisi, ledendone gli interessi coinvolti. Il Tar ha quindi fissato l’udienza per la trattazione del ricorso per l’8 giugno prossimo ma senza emanare ordinanza sospensiva. di fatto le procedure dell’avviso 3 potranno proseguire ma l’8 giugno il tar potrebbe annullare tutto o comunque bloccarle.

“Il motivo dedotto nel ricorso – secondo il Tar – è relativo allo sviamento di potere che inficerebbe il provvedimento impugnato – per avere individuato, quale condizione premiale per la quantificazione dei finanziamenti riconosciuti – un elemento che appare estraneo alla finalità a cui è diretta la misura che ne costituisce l’oggetto”. Questo fa sì che il ricorso sia legittimato e degno di approfondimento in sede di udienza.