Sono stati assolti dal gup di Palermo tre presunti clienti della ex fidanzata di Dario Nicolicchia, arrestato a marzo 2016 e accusato di aver fatto prostituire la ragazza quando era minorenne.

E’ stato invece rinviato a giudizio – il processo comincerà il 21 maggio davanti alla quinta sezione del Tribunale di Palermo – il titolare di un sexy shop accusato aver avuto rapporti a pagamento con la minore. Si sono costituiti parte civile, con l’assistenza degli avvocati Michele Palazzolo e Toni Palazzotto, la vittima e la madre della ragazza. Nicolicchia è stato condannato a nove anni a giugno scorso (è in corso il processo d’appello).

Furono condannati anche l’assistente capo della polizia Dario Pandolfini accusato di aver fatto da tramite tra Nicolicchia e altri clienti, così come il proprietario del sexy shop, già condannato a 4 anni per favoreggiamento della prostituzione minorile. Nicolicchia – secondo gli inquirenti – sarebbe riuscito a persuadere una ragazza, una studentessa palermitana sedicenne all’epoca dei fatti, avvenuti nel 2013, ad avere rapporti sessuali a pagamento.

Leggi tutto qui sulla vicenda