venerdì - 17 novembre 2017

 
#Totò Riina#messina denaro#carabinieri#polizia municipale#oroscopo

Archivio

la commemorazione stamane a palermo

35 anni fa la mafia uccideva Calogero Zucchetto, l’agente che in motorino andava a caccia di latitanti e ricercati (FOTO E VIDEO)

All’inizio degli anni ottanta, presso la squadra Mobile della Questura di Palermo, collaborò con il commissario Ninni Cassarà alla stesura del cosiddetto “rapporto Greco Michele + 161” che tracciava un quadro della guerra di mafia iniziata nel 1981, dei nuovi assetti delle cosche, segnalando in particolare l’ascesa del clan dei corleonesi di Leggio, Riina e Provenzano.

0 condivisioni

presenti i familiari alla cerimonia al cimitero

Ricordato a Monreale il vice brigadiere Domenico Intravaia, ucciso 14 anni fa a Nassiriya

Successivamente, all’interno della caserma del Gruppo Carabinieri di Monreale, alla presenza di una rappresentanza della scolaresca dell’Istituto Comprensivo Statale “Francesca Morvillo” di Monreale, è stato piantumato, nei pressi della targa commemorativa in ricordo del decorato, un melograno donato dagli studenti e simbolo della vita che continua e dell’unità di un popolo.

0 condivisioni

insieme a cassarà e chinnici aveva arrestato numerosi latitanti

“Cristallino esempio di coraggio”: 32 anni fa la mafia uccideva il commissario Beppe Montana (FOTO)

Quando Beppe Montana morì non aveva ancora compiuto 34 anni. I killer lo freddarono il giorno prima che andasse in ferie mentre era in compagnia della fidanzata a Santa Flavia, nel porticciolo dove era ormeggiato il suo motoscafo.

0 condivisioni

domani la deposizione di un cuscino di fiori sul luogo dell'eccidio

La Questura di Palermo ricorda il commissario Beppe Montana ucciso dalla mafia nel 1985

Dopo l’uccisione di Rocco Chinnici aveva dichiarato: “A Palermo siamo poco più d’una decina a costituire un reale pericolo per la mafia. E i loro killer ci conoscono tutti. Siamo bersagli facili, purtroppo. E se i mafiosi decidono di ammazzarci possono farlo senza difficoltà”.

0 condivisioni

prezioso il suo contributo alle indagini su cosa nostra

29 anni fa la mafia uccideva il poliziotto Natale Mondo, la commemorazione a Palermo (FOTO) (VIDEO)

Fu freddato dai killer di Cosa nostra nel primo pomeriggio del 14 gennaio 1988, mentre si trovava davanti il negozio di giocattoli gestito dalla moglie nel quartiere dell’Arenella.

0 condivisioni

Domani il ricordo a Palermo

Mafia, domani cerimonia commemorazione Natale Mondo a 29 anni dall’omicidio

Venne ucciso nel primo pomeriggio del 14 gennaio 1988, mentre si trovava davanti il negozio di giocattoli gestito dalla moglie nel quartiere dell’Arenella.

0 condivisioni

si celebra oggi la prima giornata della memoria e dell'accoglienza

Strage di Lampedusa, preghiere e fiori in mare in ricordo dei migranti morti

Presenti anche i 25 superstiti migranti che chiedono il rientro in patria delle salme dei profughi seppelliti nei cimiteri siciliani ed italiani. Celebrazioni in tutta Italia.

0 condivisioni

il pizzo c'è ancora dice il presidente del senato

Libero Grassi ucciso 25 anni fa, a ricordarlo anche i bengalesi

Venticinque anni fa l’omicidio di Libero Grassi il primo imprenditore a ribellarsi al pizzo a Palermo assassinato in via Alfieri alle 7,45 del 29 agosto

0 condivisioni

alla caserma lungaro

31 anni fa la mafia uccideva
Ninni Cassarà, la commemorazione (VIDEO)

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, questa mattina ha partecipato alle cerimonie di commemorazione del vice questore Antonino Cassarà, assassinato dalla mafia insieme al suo agente di scorta Roberto Antiochia il 6 agosto del 1985, e del procuratore capo di Palermo Gaetano Costa, ucciso nello stesso giorno cinque anni prima. “Questi momenti – ha dichiarato

0 condivisioni

ucciso da cosa nostra con un'autobomba

33 anni fa moriva Rocco Chinnici
Fu il padre del pool antimafia (VIDEO)

Nella sua ultima intervista aveva detto: “Per un Magistrato come me è normale considerarsi nel mirino delle cosche mafiose. Ma questo non impedisce né a me né agli altri giudici di continuare a lavorare”

0 condivisioni

le iniziative del centro studi paolo borsellino

Strage di via D’Amelio, due giorni
di commemorazione a Palermo

Tra le iniziative previste una veglia di preghiera voluta dalla signora Maria Pia Lepanto, madre di Paolo Borsellino, organizzata dai gruppi Agesci Monrealese, Conca d’Oro ed Eleuterio.

0 condivisioni

il mandante fu nitto santapaola

Strage della Circonvallazione,
34 anni fa il barbaro eccidio (FOTO)

Nella strage rimasero uccisi un appuntato dei carabinieri, due carabinieri, un autista giudiziario ed un detenuto, vero obiettivo dell’attentato ordinato dal boss mafioso Nitto Santapaola.

0 condivisioni

iniziata la giornata della memoria

Via alle manifestazioni in ricordo della strage Falcone in aula bunker
(FOTO e VIDEO)

A Palermo 800 studenti in aula bunker ma in 50 mila partecipano da tutta Italia alla giornata del ricordo della strage Falcone.

0 condivisioni

palermo chiama l'italia risponde

Il giorno del ricordo e delle legalità
I 24 anni dalla strage Falcone

ventiquattro anni fa la strage di capaci, La giornata dedicata al ricordo in tutta Italia. Ecco le tante manifestazioni di Palermo e nel reso del Paese

0 condivisioni

polemiche sulla giornata della legalita'

‘No al teatrino Antimafia a Corleone’
Il Pd diserta le commemorazioni

Nel giorno della commemorazione della strage Falcone il gruppo consiliare e la direzione del Pd di Corleone non parteciperanno alla “Giornata della Legalità” organizzata dal sindaco di Corleone.

0 condivisioni

il segretario del pci ucciso insieme a rosario di salvo

34 anni fa l’omicidio di Pio La Torre
Oggi la commemorazione

Nelle scorse settimane gli studenti palermitani hanno ripulito la lapide commemorativa. Nell’occasione l’Amministrazione comunale di Palermo ha siglato il protocollo d’intesa con il Centro Pio La Torre, sulla scia di quello già siglato con altri comuni siciliani.

0 condivisioni

il 2 febbraio giornata commemorativa

Sessant’anni fa ‘lo sciopero
alla rovescia’ di Danilo Dolci

Il 2 febbraio 1956 il sociologo triestino Danilo Dolci veniva arrestato mentre guidava un gruppo di braccianti, edili, allevatori, pescatori, a lavorare nella Trazzera vecchia, una regia trazzera borbonica che attraversava le campagne di Partinico.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.