mercoledì - 22 novembre 2017

 
#Totò Riina#messina denaro#carabinieri#polizia municipale#oroscopo

Archivio

Ha partecipato ad un incontro con la stampa estera

“Riina era un uomo buono, per me è stato un papà”, parla alla stampa il pentito Mutolo

“E ad una domanda su chi sia adesso il nuovo capo della mafia, Mutolo – raccontano fonti che hanno partecipato all’incontro – si è detto scettico su Matteo Messina Denaro: Cosa Nostra, ha detto il pentito, deve scegliere il nuovo boss dei boss”.

0 condivisioni

l'amaro commento

Il procuratore Lo Voi: “Muore Riina ma non finisce Cosa nostra”, De Raho “Organizzazioni sempre presenti su territorio”

“C’è da chiedersi, e da chiedere agli uomini di Cosa Nostra, se valga la pena finire in carcere o venire ammazzati, fare questa vita e imporla ai propri familiari, o se non sia meglio piuttosto decidere di intraprendere un’altra strada”.

0 condivisioni

si tratta di terreni, fabbricati e mezzi agricoli

Confiscati beni per oltre 5 milioni di euro ad un dentista di Niscemi affiliato a Cosa nostra (VIDEO)

Già condannato con sentenza del Tribunale di Catania nel 2002, divenuta definitiva nel 2003, alla pena di anni tre anni di reclusione, poiché riconosciuto colpevole del delitto di associazione di tipo mafioso, per vari episodi di estorsioni ed altro.

0 condivisioni

La mafia cambia pelle e investe in tecnologia, i dati della relazione della Dia

Negli ultimi dodici mesi sequestrati beni per oltre 210 milioni di euro a 32 persone in base al bilancio della Direzione investigativa antimafia

0 condivisioni

Il provvedimento del Tribunale eseguito dalla Guardia di Finanza

Sequestrati beni per due milioni di euro a trafficante di droga di Villagrazia di Palermo

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo hanno sequestrato beni per 2 milioni di euro, riconducibili a Calogero Rizzuto, 65 anni e al suo nucleo familiare.

0 condivisioni

insieme a cassarà e chinnici aveva arrestato numerosi latitanti

“Cristallino esempio di coraggio”: 32 anni fa la mafia uccideva il commissario Beppe Montana (FOTO)

Quando Beppe Montana morì non aveva ancora compiuto 34 anni. I killer lo freddarono il giorno prima che andasse in ferie mentre era in compagnia della fidanzata a Santa Flavia, nel porticciolo dove era ormeggiato il suo motoscafo.

0 condivisioni

domani la deposizione di un cuscino di fiori sul luogo dell'eccidio

La Questura di Palermo ricorda il commissario Beppe Montana ucciso dalla mafia nel 1985

Dopo l’uccisione di Rocco Chinnici aveva dichiarato: “A Palermo siamo poco più d’una decina a costituire un reale pericolo per la mafia. E i loro killer ci conoscono tutti. Siamo bersagli facili, purtroppo. E se i mafiosi decidono di ammazzarci possono farlo senza difficoltà”.

0 condivisioni

Guerra delle associazioni antiracket alla prefettura, ricorsi al tar contro esclusione

Una è stata espulsa, una seconda sospesa per rischi di infiltrazioni mafiose mentre altre cinque sospese per inattività. ma l’antiracket non ci sta e porta la Prefettura davanti al Tar

0 condivisioni

priorità assoluta è l'arresto di matteo messina denaro

Cosa nostra, “risorse economiche sconfinate e pubblici ufficiali a busta paga”: la relazione della Direzione nazionale Antimafia

I contenuti della Relazione 2016 della Direzione nazionale antimafia presentata oggi dal procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Franco Roberti e dalla presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi.

0 condivisioni

Confiscati dalla Dia i beni dell’imprenditore Francesco Pasqua (FOTO)

Era stato arrestato nel 2014 nell’ambito dell’operazione ‘Prato Verde’ e accusato di essere un componente del gruppo ‘Carateddu’ del Clan Cappello

0 condivisioni

è indirizzata al tribunale di sorveglianza di bologna

“E’ un criminale, che Riina rimanga in carcere”: petizione su change.org, oltre 50mila sostenitori in poche ore

Intanto, i membri del movimento antimafia ‘Ammazzateci tutti’, hanno annunciato lo sciopero della fame in caso di scarcerazione del boss.

0 condivisioni

nasce il gruppo 'cacciatori sicilia'

Carabinieri in elicottero a caccia dei latitanti: a Catania i ministri della Difesa e dell’Interno

A Sigonelle, la cerimonia di istituzione dello Squadrone Carabinieri Eliportato ‘Cacciatori Sicilia’.

0 condivisioni

Sabato la presentazione a Sigonella

Carabinieri, i ‘Cacciatori Sicilia’ alla ricerca dei grandi latitanti di Cosa Nostra

Sarà presentato sabato prossimo a Sigonella il gruppo ‘Cacciatori Sicilia’ dei carabinieri che avrà il compito di cercare i più importanti latitanti di Cosa Nostra.

0 condivisioni

Una puntata di Report aveva sollevato la vicenda

Il ‘caso’ Cnr e la denuncia sui legami con Cosa nostra, Nuti “Chiesta audizione in commissione antimafia”

“Mentre il Governo, come suo solito, ha tentato di far passare la vicenda in sordina, c’è chi per fortuna tiene alta la guardia – spiega -. La maggioranza non faccia finta di nulla: è necessario capire cosa sia accaduto e se siano rintracciabili eventuali responsabilità amministrative”.

0 condivisioni

Ucciso perchè invitava i clienti accusati di mafia a pentirsi, ricostruito il barbaro omicidio dell’avvocato Enzo Fragalà

L’avvocato, ex parlamentare e componente di varie commissioni d’inchista, fu aggredito a bastonate il 23 febbraio del 2010. Morì dopo tre giorni di agonia

0 condivisioni

Mafia, rischio scarcerazione dei boss: slitta a domani la decisione della Corte

Slitta a domani la decisione della corte d’assise d’appello di Palermo sul “congelamento” dei termini di custodia cautelare per 14 tra boss ed estorsori di Cosa nostra.

0 condivisioni

Il report del primo semestre 2016

Meno piramidale e con più centri di comando, fotografia della Dia su Cosa nostra palermitana

Una mafia manageriale insomma che si alimenta grazie ai cosiddetti ‘colletti bianchi’, ovvero una rete di professionisti compiacenti che divengono un nodo fondamentale per l’acquisizione di potere dell’organizzazione.

0 condivisioni

lo dice il presidente della corte d'appello frasca

Anno giudiziario, l’impegno dei magistrati palermitani: “Cosa nostra è ancora forte ed efferata” (VIDEO)

Da una parte, rimane pressante la sistematica imposizione del 'pizzo' alle attività commerciali e alle imprese, dall'altra è ritornato preminente l'interesse dell'organizzazione mafiosa nel monopolio del mercato delle sostanze stupefacenti.

0 condivisioni

Un bar e un'azienda trasporti a Palermo

Confiscati beni per 280 mila euro ai fratelli Graviano boss di Brancaccio

La Polizia di Stato, ha eseguito la confisca di beni patrimoniali, per un valore complessivo di circa 280 mila euro, riconducibili ai fratelli Graviano, boss del mandamento mafioso di Brancaccio.

0 condivisioni

tra san giuseppe jato, corleone e monreale

Operazione antimafia ‘Monte Reale’, ecco i nomi degli arrestati (FOTO)

Frequenti i contrasti tra i vecchi capi della mafia ed i nuovi vertici del territorio. Forse qualcuno si preparava ad uccidere per imporre le proprie regole. Sedici persone arrestate.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.