mercoledì - 29 marzo 2017

 
#formazione professionale#fabrizio ferrandelli#oroscopo blogsicilia#geapress#cosa fare sabato#cosa fare domenica

Archivio

Ucciso perchè invitava i clienti accusati di mafia a pentirsi, ricostruito il barbaro omicidio dell’avvocato Enzo Fragalà

L’avvocato, ex parlamentare e componente di varie commissioni d’inchista, fu aggredito a bastonate il 23 febbraio del 2010. Morì dopo tre giorni di agonia

0 condivisioni
tribunale-giustizia-processo-avvocato-giudice

Mafia, rischio scarcerazione dei boss: slitta a domani la decisione della Corte

Slitta a domani la decisione della corte d’assise d’appello di Palermo sul “congelamento” dei termini di custodia cautelare per 14 tra boss ed estorsori di Cosa nostra.

0 condivisioni

Il report del primo semestre 2016

mappa-mafia-cosa-nostra-01-palermo-città

Meno piramidale e con più centri di comando, fotografia della Dia su Cosa nostra palermitana

Una mafia manageriale insomma che si alimenta grazie ai cosiddetti ‘colletti bianchi’, ovvero una rete di professionisti compiacenti che divengono un nodo fondamentale per l’acquisizione di potere dell’organizzazione.

0 condivisioni

lo dice il presidente della corte d'appello frasca

Anno giudiziario, l’impegno dei magistrati palermitani: “Cosa nostra è ancora forte ed efferata” (VIDEO)

Da una parte, rimane pressante la sistematica imposizione del 'pizzo' alle attività commerciali e alle imprese, dall'altra è ritornato preminente l'interesse dell'organizzazione mafiosa nel monopolio del mercato delle sostanze stupefacenti.

0 condivisioni

Un bar e un'azienda trasporti a Palermo

Confiscati beni per 280 mila euro ai fratelli Graviano boss di Brancaccio

La Polizia di Stato, ha eseguito la confisca di beni patrimoniali, per un valore complessivo di circa 280 mila euro, riconducibili ai fratelli Graviano, boss del mandamento mafioso di Brancaccio.

0 condivisioni

tra san giuseppe jato, corleone e monreale

MAFIA OPERAZIONE MONTE REALE

Operazione antimafia ‘Monte Reale’, ecco i nomi degli arrestati (FOTO)

Frequenti i contrasti tra i vecchi capi della mafia ed i nuovi vertici del territorio. Forse qualcuno si preparava ad uccidere per imporre le proprie regole. Sedici persone arrestate.

0 condivisioni

alla caserma lungaro

31 anni fa la mafia uccideva
Ninni Cassarà, la commemorazione (VIDEO)

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, questa mattina ha partecipato alle cerimonie di commemorazione del vice questore Antonino Cassarà, assassinato dalla mafia insieme al suo agente di scorta Roberto Antiochia il 6 agosto del 1985, e del procuratore capo di Palermo Gaetano Costa, ucciso nello stesso giorno cinque anni prima. “Questi momenti – ha dichiarato

0 condivisioni

vietati dal questore i funerali pubblici

Bernardo Provenzano il giorno della cattura nel 2006. ANSA

Provenzano, eseguita l’autopsia:
il boss verrà cremato a Milano

Non ci sarà alcun carro funebre. Saranno i figli del superboss a riportare l'urna cineraria a Corleone, dove verrà inumata nella tomba di famiglia. Vietati i funerali pubblici. Il vescovo di Monreale: “Una preghiera non si nega a nessuno”.

0 condivisioni

era padre dell'attuale primo cittadino

antonino burrafato

Termini commemora il brigadiere Burrafato: 34 anni fa l’omicidio

Dopo la messa con una breve cerimonia sarà deposta simbolicamente “una rosa rossa” ai piedi della stele, situata proprio nella piazza San’Antonio, in ricordo di Antonino Burrafato che lì perse la vita sotto il fuoco mafioso.

0 condivisioni

uccisa perché ritenuta 'troppo libera'

lia-pipitone

Lia Pipitone: “Anche il padre volle la sua morte”

Per questo procedimento oggi sono imputati i boss Nino Madonia e Vincenzo Galatolo. Le indagini sono ripartite dopo la pubblicazione del libro “Se muoio sopravvivimi”, scritto dal giornalista Salvo Palazzolo con Alessio Cordaro, figlio di Lia Pipitone.

0 condivisioni

il mandante fu nitto santapaola

circonvallazione 2

Strage della Circonvallazione,
34 anni fa il barbaro eccidio (FOTO)

Nella strage rimasero uccisi un appuntato dei carabinieri, due carabinieri, un autista giudiziario ed un detenuto, vero obiettivo dell’attentato ordinato dal boss mafioso Nitto Santapaola.

0 condivisioni

l'intercettazione shock

messina denaro

Messina Denaro orgoglio degli zii
“Iddu cumanna a tutti”

Dalla conversazione emerge come, nonostante la latitanza, Messina Denaro venga informato di tutto. A parlare sono Giovanni e Rosa Santangelo, fratelli della madre del superboss di Cosa nostra.

0 condivisioni

è ritenuto vicino a cosa nostra

Angelo Stracuzzi

Mafia, confiscati beni per quasi 20 milioni al licatese Angelo Stracuzzi

I beni confiscati sono cinque aziende operanti nell’ambito della produzione di calcestruzzo, quote di partecipazione in imprese, due appartamenti e sei fabbricati rurali, due autoveicoli di grossa cilindrata, terreni per un’estensione complessiva pari a circa 54 ettari.

0 condivisioni

nell'anniversario della strage di capaci

maxiprocesso-c-shobha-680x365_c

A 30 anni dal maxiprocesso
Cerimonia all’aula bunker

Alla cerimonia sarà presente anche il ministro Giannini. Il maxiprocesso viene ricordato come il più grande processo penale celebrato al mondo. In primo grado gli imputati furono 475.

0 condivisioni

è accaduto in un teatro a licata

matteo messina denaro 0

Una torta in faccia a Messina Denaro
Il pubblico esplode di gioia

Gli attori della compagnia «Il Dilemma» hanno sistemato sul palco un cartonato che rappresentava il boss.
Poi hanno portato una torta e gliel'hanno scagliata proprio sul volto, con la festosa approvazione del pubblico presente in sala.

0 condivisioni

condivisero la strategia stragista degli anni '90

messina denaro

Mafia, la ‘Supercosa’ di Messina Denaro e Riina contro i magistrati

Riina aveva creato due gruppi di fuoco, uno operativo a Roma e l’altro a Palermo. Li chiamava la ‘Supercosa’, come risposta alla Superprocura, all’organizzarsi istituzionale dell’antimafia.

0 condivisioni

i dati all'inaugurazione dell'anno giudiziario

300 anni di reclusione per gli imputati della cosca di Pagliarelli

Sicilia, “Cosa nostra ancora pervasiva e corruzione nella p.a”

Presenti anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il presidente della Regione Rosario Crocetta, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, e il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.