Sgarbi dopo le esternazioni su Di Matteo: “Gli auguro buon lavoro, qui non è consentito il diritto di critica”

“Rinuncio ad occuparmi del presente, sul quale altri pretendono di avere l’incontrastato dominio fino al limite del pregiudizio; e mi rifugio nella Storia, nella speranza che in essa si rispecchino i siciliani migliori in attesa di un Rinascimento”.