Parà siracusano morto in caserma: “Non fu suicidio, venne aggredito”

Alla Gamerra, si legge, c’era “un’altissima, sorprendente tolleranza verso comportamenti di nonnismo” e ora
“speriamo che il nostro lavoro posso restituire verità e giustizia alla memoria di Emanuele”.