Un premier a tutto campo che ha risposto su tutti gli argomenti all’ordine dell’agenda politica. Così Giuseppe Conte oggi sui cantieri della SS 640 insieme al Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Dopo aver assicurato la conclusione dei lavori entro il 2020, eccolo affrontare un nodo caldo all’interno del Governo: realizzazione della Tav. E dovendo fare da baricentro su due visioni e prospettive, quella della Lega e del M5s,  rispetto alla realizzazione dell’opera dice facendi chiarezza: “Non ho parlato mai di mini-Tav, non ho mai concepito una mini-Tav perché non sono un tecnico e nessuno mi ha mai portato una mini_Tav sul tavolo. Chi scrive ‘Conte pensa alla mini-Tav’ scrive un’altra di quelle fandonie che mi vengono attribuite”.

Da qui un riferimento allo sblocco di appalti e cantieri nel Paese che riguardano altre opere assicura: “Il codice degli appalti che abbiamo non funziona, in questi giorni stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli di un decreto legge che dovrebbe anticipare la più generale riforma”.

E a chi accusa l’esecutivo di aver bloccato e paralizzato i cantieri: “Lavoreremo a tutte le infrastrutture, non è vero che abbiamo bloccato lavori. La crisi del settore delle costruzioni è una crisi che non abbiamo creato noi, ce la siamo trovata, bastava guardarla e tutti gli addetti ai lavori lo sanno”. “Lavoriamo in modo sistematico a tutti i livelli, anche con gli enti locali – aggiunge – Per quanto mi riguarda non esistono colori politici, governatori di destra, di centro o di sinistra”.

Dopo a tener campo sono gli ultimi sviluppi legati alla vicenda Blutec: “E’ un problema serio, abbiamo saputo anche noi dell’arresto del management di Blutec: era una situazione già molto delicata, adesso bisognerà lavorare per mettere in sicurezza i lavoratori. Credo che il ministro Di Maio l’abbia già anticipato: bisognerà intervenire prontamente e lui lo saprà fare per offrire ai lavoratori un minimo di garanzie”.  “Coinvolgere Fca? Sarebbe per me prematuro configurare degli scenari concreti, il ministro Di Maio, che ha già prestato attenzione alla vicenda, continuerà a lavorarci. E come governo sono convinto troveremo una soluzione”.

Leggi anche: Da Sicilfiat a Blutec, storia di grandi affari a Termini Imerese con soldi pubblici sulla pelle dei lavoratori

Blutec Termini Imerese, operai sotto shock: “Svelato il grande bluff, e adesso?” (VIDEO)

Blutec a Termini Imerese, ai domiciliari l’amministratore delegato e il presidente del Cda