Per il rilancio dell’are industriale di Termini Imerese (Pa) serve un nuovo piano di rilancio. Ne sono convinti i rappresentanti della Cisl che oggi si sono dati appuntamento nella città che un tempo ospitava lo stabilimento Fiat e oggi abbandonato. Istituzioni e sindacati si sono confrontati all’interno della Chiesa Santa Croce al Monte.

Tutti d’accordo nel ritenere che per Termini serve un piano di rilancio delle infrastrutture e dalla valorizzazione delle sue specificità. Una necessità che nasce anche in seguito all’aggiornamento dell’Accordo di programma quadro.

“Un’iniziativa interessante quella di oggi a Termini Imerese” è stata per Leonardo La Piana, segretario generale Cisl Palermo Trapani. “Un incontro – ha continuato che ha messo insieme istituzioni e sindacati per provare a dare una risposta a questo territorio”. Quella di Termini è per il sindacato un’area di crisi complessa che ha bisogno di nuovi investimenti. “Con l’amministrazione regionale – ha detto il segretario generale – abbiamo avviato un dialogo per capire cosa si può fare, come non perdere le risorse stanziate per questo territorio. Un progetto importante che rientra nell’ambito dell’azione che la Cisl  sta svolgendo per le periferie come quella di Termini Imerese, una periferia del lavoro da cui può nascere nuovo lavoro”.

“Ripartire da questo territorio e ripartire sul lavoro” è il motto del segretario generale fim cisl Antonio Nobile. “La nostra proposta è di ripartire con l’area industriale di Termini con un progetto chiaro di riqualificazione industriale e realizzare le opere promesse dall’accordo di programma. Un tavolo tecnico nel quale sia protagonista il governo regionale per dare priorità alle opere da realizzare che potranno attrarre nuovamente investitori industriali”, ha affermato.

In seguito al vertice di oggi si è aperta una tavola rotonda alla quale prenderanno parte Girolamo Turano assessore regionale alle Attività produttive, Marco Falcone assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Leoluca Orlando presidente Anci e sindaco della città metropolitana di Palermo e per il sindacato Sebastiano Cappuccio segretario generale Cisl Sicilia e Piero Nicastro segretario generale Fim Cisl Sicilia.