“L’incertezza sull’evoluzioni del perfezionamento delle procedure di trasferimento di ramo che interessa la rete vendita degli ipermercati siciliani di Auchan è oramai divenuta insostenibile”. Lo afferma Mimma Calabrò, Segretario Generale della Fisascat Cisl Sicilia. “Sui lavoratori pesa come un macino la preoccupazione per la totale assenza di certezze. Strategie e accordi commerciali – continua la sindacalista – non lascino nello sconforto le centinaia di lavoratori siciliani degli ipermercati di Palermo, Misterbianco, Porte di Catania e Melilli, coinvolti in quella che di certo è, per le Società coinvolte, una ambiziosa e alquanto articolata operazione”.

Nel corso dell’ultimo incontro svoltosi a Roma, di fatto, nessuna notizia dettagliata o confortante ha riguardato il fronte siciliano posto che le comunicazioni riguardanti il trasferimento di 109 negozi della rete Auchan Retail al sistema Conad non coinvolgono nessuno degli ipermercati siciliani.

“Attendiamo il prossimo confronto negoziale fissato già per l’11 settembre per capire se vi saranno sviluppi sulla vicenda – conclude la Calabrò – In assenza di un cronoprogramma che fissi, secondo il piano industriale, con quali step si perfezionerà non soltanto la cessione della rete siciliana ma anche le aperture delle attività peraltro connesse alla continuità lavorativa, siamo pronti a intraprendere ogni iniziativa a tutela dei lavoratori. Siamo stanchi di assistere alla desertificazione del nostro territorio dove, ad ogni posto di lavoro perduto, c’è una famiglia che scivola nell’incubo della povertà”

Ma a fronte delle preoccupazioni sindacali Conad replica con una nota ufficiale “dell’acquisizione delle quote di Auchan e Sma da parte di Bcd (Conad e Wrm) – precisa – hanno fatto parte anche 5 ipermercati in Sicilia: due di Palermo, più Misterbianco, Porta di Catania e Melilli, che non erano stati ceduti da Auchan al Gruppo Arena con altri punti di vendita della regione”.

Contattata su questa precisazione la segretaria Fisascat Mimma Calabrò aggiunge “Apprendiamo con piacere della posizione assunta da Conad e siamo lieti di questa annunciata soluzione positiva. Restiamo comunque vigili sull’intera procedura di acquisizione a tutela dei lavoratori”.

AGGIORNAMENTO

“Apprendiamo favorevolmente dagli organi di stampa che Conad tiene a precisare che anche i 5 ipermercati in Sicilia fanno parte dell’acquisizione delle quote di Auchan Sma da parte di Bcd (Conad e Wrm) – afferma Mimma Calabrò, Segretario Generale della Fisascat Cisl – Ma, per quanto ci riguarda, ribadiamo comunque quanto sostenuto più volte, ovvero che quella che la Società definisce una “prima tappa” del progetto di integrazione della rete commerciale ex Auchan a Conad debba prevedere un cronoprogramma che fissi anche le tempistiche per le apeture delle attività. Rivendichiamo per i lavoratori tempistiche certe e non una progettualità che, se non concretizzata, rischia di fomentare incertezze fra i lavoratori. Servono certezze e un piano industriale che rilanci i 5 punti vendita in Sicilia. L’auspicio è che, nel corso del prossimo incontro, si possano ricevere tutte le informazioni utili per ripristinare climi di serenità tra i lavoratori”.