E’ ripresa alle 13.10 la circolazione ferroviaria sulla linea Palermo-Trapani, sospesa dalle 5.15 a causa del furto di 3.500 metri di cavi di rame, fra S. Nicola di Mazara e Mazara del Vallo.

Una decina, fra tecnici di Rete ferroviaria italiana e operai delle ditte appaltatrici, le persone impegnate dalla scorsa notte per ripristinare le normali condizioni di circolazione.

Dodici i treni coinvolti, di cui cinque limitati nella percorrenza e sette sostituiti da autobus fra Trapani e
Castelvetrano.

L’asportazione di rame non comporta problemi di sicurezza alla circolazione dei treni, ma solo rallentamenti e ritardi. La sottrazione del materiale, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie in uso nella gestione del traffico ferroviario, con arresto immediato dei treni.