A tre anni dall’incendio che distrusse parte del patrimonio naturalistico di Pantelleria il Parco Nazionale ha lanciato una campagna di comunicazione social in cui si fa memoria di questo evento e si valorizza la capacità di tutti i soggetti coinvolti a mettere in atto buone prassi per il recupero dei danni.

La stessa istituzione dell’Ente Parco fu allora dettata con carattere d’urgenza dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dopo l’avvio di importanti progettazioni, viene oggi acquisito il protocollo firmato dalla Prefettura con l’Ispettorato ripartimentale delle foreste, l’Assessorato regionale del territorio e dell’ambiente, il Dipartimento di protezione civile della Presidenza della Regione siciliana, il Comando provinciale dei vigili del fuoco di Trapani, il 37° stormo dell’Aeronautica di Birgi e l’82° centro Csar, il Parco Nazionale dell’isola di Pantelleria promuove un’iniziativa esclusivamente dedicata al modello per la prevenzione degli incendi boschivi.

Venerdì 14 giugno, alle ore 17.00 – Castello di Pantelleria nella Sala convegni al 1° piano, Lungomare Paolo Borsellino il presidente del Parco Salvatore Gabriele e il direttore Antonio Parrinello, presenteranno il “Piano di Prevenzione Antincendio Isola di Pantelleria” per la tutela e la salvaguardia del territorio dagli incendi boschivi. Interverranno Bruno Petrucci, Dir. Min. dell’Ambiente, piano di gestione forestale e sistemi Aib; Luca Tonarelli, Direttore D.R.E.AM. Italia; il raggruppamento Carabinieri per la tutela della biodiversità dei parchi; Vincenzo Campo, Sindaco del Comune di Pantelleria; Salvatore Cordaro, Assessore Regionale al Territorio e Ambiente; Filippo Principato, Dirigente Generale del Comando del Corpo Forestale; Mario Candore, Dirigente Generale Sviluppo Rurale; Salvo Gambino, Responsabile del servizio comunale di protezione civile; Donato Lamelaveca, Università di Palermo, dip. Scienze forestali.

Il piano segue le indicazioni del protocollo della Prefettura che ha definito un modello operativo di intervento che coniuga competenze e attività fra gli enti coordinati e raccordati proprio dalla Prefettura in caso di emergenza. Il documento rappresenta un elemento di supporto per l’isola ad evitare la distruzione del patrimonio boschivo e tutelare l’incolumità della popolazione attraverso l’intervento sinergico e di collaborazione per garantire la tutela del patrimonio ambientale.