Indignazione in tutto il mondo sempre più crescente per quanto avvenuto in un parco a tema in Cina dove un maiale è stato costretto a saltare con l’elastico da una torre alta 68 metri.

Un video mostra il povero animale legato a un palo, portato da due uomini in cima a una torre prima di essere spinto. Come si legge sulla BBC, il parco a tema incriminato si trova a Chongqing e quest’atto di crudeltà è avvenuto in occasione dell’apertura di una nuova attrazione. I media locali hanno riferito che il maiale, dopo il salto, è stato condotto al macello.

Naturalmente, quanto successo ha causato molta rabbia online, anche e soprattutto tra la stessa popolazione cinese, dove si sta assistendo a un incremento di sensibilità nei confronti degli animali.

I gestori del parco hanno replicato con una nota: «Accettiamo le critiche e i consigli dei netizen (gli utenti del web, n.d.r.) e ci scusiamo con il pubblico. Miglioreremo la promozione commerciale del sito turistico per fornire ai turisti servizi migliori». Parole che, comunque, non hanno placato gli animi e giustamente, visto la loro incosistenza.

Il maltrattamento è avvenuto sabato scorso, 18 gennaio, nel parco Meixin Red Wine Town, nella città della Cina sud – occidentale. All’episodio era stato anche dato un nome: il bungee jump del maiale d’oro. L’animale, stando alla stampa locale, pesava 75 chilogrammi ed è stato spinto dalla torre con un mantello viola legato attorno alle sua spalle. Dal video si sentono chiarmente le urla del maiale. Non è stato mostrato, invece, ciò che è successo dopo il lancio anche se, come accennato poco su, i media locali hanno riferito che l’animale è stato poi portato al macello.

In Cina la crudeltà verso gli animali non è punibile dalla legge ma la dura condanna dei cinesi su quanto successo al parco testimoniano che qualcosa, almeno nell’opinione pubblica, sta cambiando.

Il terribile video è su YouTube (non adatto a un pubblico sensibile).