Lo spettacolo barbaro della corrida, in Spagna, rischia di provocare una nuova vittima umana. Si chiama Albacete Mariano de la Viña il banderillero incornato da un toro durante una corrida, domenica 13 ottobre. Le immagini sono davvero cruente e non adatte a un pubblico impressionabile. L’uomo è stato incornato dall’animale che ha infierito su di lui anche quando era esanime sulla sabbia dell’arena, colpendolo ripetutamente e facendolo volare in aria.
Soltanto l’intervento degli altri toreri ha distratto il toro infuriato, consentendo di portarlo in salvo.
De la Viña è stato portato in ospedale in condizioni gravissime, per le due cornate ricevute e un trauma cranico e ora lotta per la vita nel reparto di reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Quironsalud di Saragozza, anche se le ultime notizie sembrano rassicuranti.
Secondo l’ultimo bollettino medico, il torero rimane sedoanalizzato, con respirazione controllata. Da oggi ha la febbre”.

Una cornata ha causato un foro di ingresso di 12 centimetri e due traiettorie, un monte di 27 centimetri a monte che strappa l’arteria femorale superficiale e rompe l’arteria iliaca interna nella sua porzione distale. Con rottura del sartorio e muscoli adduttori medi che penetrano nello spazio retroperitoneale.

Una seconda ferita da corno di toro a livello della regione gluteale sinistra con un foro di ingresso di 8 centimetri e un percorso in avanti di 22 centimetri che penetra attraverso la tacca sciatica raggiungendo lo spazio tra il retto e la vescica dopo aver strappato l’arteria iliaca interna sinistra alla radice.