Ha avuto il via libera per tornare a Palermo da Londra. Una donna di 34 anni incinta originaria del Bangladesh, ma residente da tempo nel capoluogo siciliano, ha seguito tutta la trafila per fare rientro in Sicilia.

Si è registrata nel sito costruiresalute.it previsto per i rimpatri e tre giorni fa ha finalmente acquistato il suo volo da Londra a Palermo.

Non un volo diretto, ma con scalo a Roma. E’ stata controllata più volte duranti gli scali e le sue condizioni erano buone. Ieri sera la situazione è precipitata. La donna con febbre molto alta è stata trasportata dai sanitari del 118 all’ospedale Cervello di Palermo.

Qui secondo una prima ricostruzione sarebbe stata portata nel reparto di Ostetricia. Poi ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale Cervello dove si trovano i pazienti positivi al Covid. Dalla struttura si mantiene la massima riservatezza sulla paziente. Nel reparto d’Ostetricia, dopo l’esito del tampone sulla paziente, è stata effettuata una sanificazione completa così come avvenuto ovunque si sia trovata a passare la donna e i suoi parenti, ad iniziare dal marito, che sono stati sottoposti a controlli sanitari.

Le sue condizioni sono serie, si trova costantemente monitorata. Se le circostanze dovessero richiederlo, non si esclude di eseguire il cesareo per tutelare il bambino. La donna è al settimo mese di gravidanza. Con lei a fianco è stato il marito.

Personale dell’Asp e della protezione civile regionale è impegnato anche su un altro fronte: rintracciare tutte le persone che sono venute in contatto con la gestante per eseguire i tamponi. Ad iniziare da quanti hanno viaggiato sui due aerei da Londra a Roma e da Roma a Palermo.

Già i primi controlli sono stati eseguiti ai familiari e a quanti in questi giorni sono venuti a contatto con la donna. Nei reparti di Ostetricia e al pronto soccorso oggi è stata eseguita una completa sanificazione.