Sarà eseguita domani l’autopsia sul corpo di Ana Maria Di Piazza, la giovane di 30 anni uccisa a Partinico da Antonino Borgia di 51 anni.

L’esame sarà eseguito all’istituto di medicina legale del Policlinico. La giovane, come hanno raccontato diverse amiche e anche la mamma era incinta. Sempre domani si attende anche la convalida del gip.

“Una non convalida”, visto che non c’è il pericolo di fuga e la piena confessione dell’imprenditore di Partinico che ha ucciso la giovane mamma. A Giardinello tanto dolore per il piccolo di 11 rimasto da solo con la nonna.

“Sosterremo questa famiglia con ogni strumento possibile – dice il sindaco Antonio De Luca – Stiamo valutando di costituirci parte civile nel processo. Il giorno dei funerali proclamerò il lutto cittadino e il prossimo 29 ci sarà un consiglio comunale dove affronteremo questa vicenda che ha scosso tutti.

La famiglia di Ana e la stessa giovane non meritava una fine così violenta. Noi non siamo nessuno per giudicare la vita di chiunque. Nessuno può essere ucciso in quel modo. Questa domenica per noi è dolorosissima”.

Il litigio perchè lei voleva rendere nota la loro relazione alla moglie dell’amante, e per non farlo voleva soldi, poi la prima coltellata, e quindi la conferma della rivelazione fatta due settimane fa con un messaggino al telefono “Sono incinta, aspetto il tuo bambino, ti amo”.

E quando tutto sembrava risolto col viaggio verso l’ospedale ecco le bastonate in testa e la coltellata alla gola. Così è morta ieri mattina Ana Maria Lacramioara Di Piazza, 30 anni, uccisa dall’imprenditore Antonino Borgia, 51 anni, tra Partinico e Balestrate vicino Palermo.

Un femminicidio atroce proprio a ridosso della giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si celebra lunedì. Un omicidio feroce per le modalità e per la totale insensibilità dell’assassino che ha ucciso la donna dopo aver saputo che lei era incinta, e poi, dopo il delitto ha continuato la sua routine come se nulla fosse.

La scena iniziale dell’aggressione è impressa su una memoria digitale ripresa dalla videocamera di sicurezza di una villa, che ha registrato anche l’audio, ed è stata portata da un testimone ai carabinieri. L’assassino è stato arrestato e ha confessato. E’ accusato di omicidio, porto illegale di arma, occultamento di cadavere, procurato aborto. L’autopsia dovrà chiarire se la donna era in stato interessante.

Ana Maria, di origini romene, residente a Giardinello (Pa), era stata adottata da una coppia del piccolo centro in provincia di Palermo, ha un figlio di 11 anni, e aveva da un anno una relazione con il Borgia. Ieri verso le 7 i due si sono incontrati allo svincolo di Partinico. Lei è salita a bordo del furgone bianco che si è spostato verso Balestrate. La vittima aveva chiesto dei soldi all’uomo – ha raccontato lui agli inquirenti – circa 3 mila euro dicendogli che altrimenti avrebbe raccontato tutto alla moglie.

La sera prima Borgia aveva promesso di darglieli. “Due settimane fa – ha sostenuto l’indagato – lei era in Romania e mi ha mandato un messaggio in cui mi ha scritto che si era fatta tutti gli esami perché era svenuta e aveva scoperto di essere incinta. Mi ha detto che il figlio era mio e che non poteva portare avanti la gravidanza perché già aveva un figlio e la madre l’avrebbe mandata via di casa”.

Una volta arrivati in una zona dove l’imprenditore, che ha una ditta che realizza piscine, aveva un cantiere, i due avrebbero iniziato a litigare. Borgia ha preso un coltello da cucina con lama seghettata e ha colpito la donna alla pancia. Lei ha tentato di fuggire e l’uomo l’ha rincorsa facendola risalire sul furgone e promettendole che l’avrebbe portata in ospedale.

Sono le 7.38, la scena viene ripresa dalla videocamera e nel filmato si vede e si sente la donna urlare “Ma che fai aspettiamo un bambino, io ti amo. tu mi ami? Buttalo quel coltello Devo morire? Dimmelo devo morire?”. L’imprenditore sembra calmarsi (il coltello sarà ritrovato dai carabinieri sporco di sangue), ha fatto risalire Ana sul furgone e si è diretto verso l’ospedale. Sono le otto e i due sono nei pressi del ponte dell’autostrada all’altezza di Partinico.

Qui riprendono a litigare. Il furgone si è fermato. Ana apre lo sportello e tenta di fuggire. Alla scena ha assistito una donna: è lei che darà l’allarme ai carabinieri che cominciano a indagare. Borgia ha preso un bastone e ha colpito la vittima più volte alla testa poi le ha tagliato la gola. Ha avvolto il cadavere in lenzuola e coperte, ha legato tutto con una corda e ha nascosto il corpo in campagna ricoprendolo di sterpaglie.

Poi è risalito sul furgone ed è andato a fare colazione in un bar, ha pulito il mezzo e ha cominciato normalmente gli incontri di lavoro. Nel pomeriggio dopo aver mangiato, Borgia è andato anche dal barbiere.

L’uomo è stato poi fermato e portato in caserma per essere interrogato. Alle 17.20 il proprietario della villa che ha il sistema di videosorveglianza va alla caserma dei carabinieri di Balestrate portando la memoria con le immagini. Gli investigatori chiudono il cerchio. Borgia confessa fa ritrovare il cadavere e viene portato in carcere.(