Si fa un gran parlare di isole pedonali e provvedimenti per bandire le auto dal centro cittadini. Poi scopri andando in giro per Palermo che molti provvedimenti restano solo sulla carta.

Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore Giusto Catania non fanno altro che proporre un nuovo modello di mobilità nel cuore del capoluogo. Corsie preferenziali per i mezzi pubblici.Piste ciclabili anche se solo disegnate sull’asfalto e soprattutto le isole pedonali.

Questa è piazza San Francesco D’Assisi oggi. Non servono molte parole. Sedici auto posteggiate nell’isola pedonale più trafficata di Palermo che fanno infuriare i residenti che tempestano di telefonate il comando dei vigili urbani.

“Ci hanno detto che l’intervento è in coda – raccontano i residenti – dicono così e poi quando arrivano i caschi bianchi le auto sono sparite. Noi che viviamo qui ci siamo adeguati ad un nuovo stile di vita senza l’auto sotto casa.

Quanti vengono da fuori invece trovano assolutamente corretto parcheggiare in un luogo dove ci sono cartelli chiarissimi che vietano non solo il parcheggio, ma anche il transito. E di vigili che fanno rispettare i provvedimenti della giunta neppure l’ombra”.