Torna l’appuntamento con la Targa Florio motociclistica.
La novità di quest’anno (l’edizione si svolgerà il 21, 22 e 23 giugno) sarà il lato agonistico con la compilazione di classifiche che determineranno vittorie di categoria, quindi viene omologata ed inserita nel calendario nazionale degli eventi della federazione motociclistica italiana.

“Cresce il numero degli appassionati di moto storiche – ha dichiarato Fausto Torta, presidente della commissione motociclistica Aci Palermo – lo scorso anno abbiamo voluto celebrare il circuito della Favorita, quest’anno abbiamo scelto quello madonita”.

Con Torta abbiamo inoltre parlato della rilevanza del Museo storico dei Motori e dei meccanismi della facoltà di Ingegneria gestito da Giuseppe Genchi, il museo ha vinto un premio speciale di eccellenza dagli Stati Uniti, il prestigioso riconoscimento internazionale “Mechanical Engineerig Heritage Collection.

“E’ stato spesso teatro di importanti eventi culturali – ha specificato il presidente della commissione – il suo legame col brand Targa Florio è fortissimo e nel 2020 tornerà ad essere protagonista della manifestazione; in moltissime occasioni è stato luogo di cultura, stazionamento e partenza, l’ultima volta per la nostra gara è stato lo scorso 2018”.

La manifestazione è organizzata dall’Aci Palermo con il presidente Angelo Pizzuto, dalla Fim.
Le moto storiche, costruite nel secolo scorso fino agli anni Settanta, sfileranno, come già scritto, sul circuito delle Madonie dove da poco si è svolta la Targa Florio automobilistica.

Vincenzo Florio, dopo avere dato vita alla gara automobilistica nel 1906, volle dare il proprio contributo anche al mondo delle “Due ruote” organizzando la gara motociclistica dagli anni ’20 fino alla Seconda Guerra Mondiale.

“La Targa Florio motociclistica – aggiunge Torta – punta in alto ed anche il presidente federale nazionale Giovanni Copioli ha manifestato di voler collaborare con l’appuntamento siciliano e farne uno dei più importanti in Italia. Prevediamo una importante partecipazione con molte moto provenienti da ogni parte del mondo e puntiamo a chiudere le iscrizioni a quota 250 partecipanti”.