“Questa campagna elettorale credo stia dimostrando che a fronte dei tanti populismi, che hanno un volto qualche volta intollerante e razzista di Salvini e talvolta hanno un volto inefficiente e incapace di governare del Movimento 5 Stelle, l’unica proposta politica alternativa al populismo, nonostante tutto, è il Partito Democratico”. Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando oggi a Milano per partecipare alla Borsa Internazionale del Turismo in Fieramilanocity (11-13 febbraio).

“Credo che il 4 marzo saremo chiamati noi italiani a fare una scelta di responsabilità tra il populismo e il tentativo di una visione organica della politica nell’interesse del Paese”, ha concluso Orlando.

Mentre il sindaco di Palermo parla da dirigente ‘nazionale’ del Pd in provincia di palermo, e per la precisione a Bagheria, scoppia un’altra polemica con la frangia interna, quella dei Partigiani, che attacca sulla presentazione dei candidati.

“L’organizzazione a Bagheria di un’assemblea con i candidati Pd in una gelateria contro il circolo locale, orchestrata da  Davide Faraone e dai suoi uomini, è una cosa di una gravità senza precedenti. Conosciamo bene il Pd locale e sappiamo con quanta passione, anche in questa campagna elettorale, lavorano per il nostro partito” polemicca Carmelo Greco, a nome dei ‘Partigiani dem’

“Da quattro anni quei ragazzi sono impegnati in una battaglia ‘corpo a corpo’ con Il Movimento 5 Stelle. Questi gesti rischiano di isolarli a vantaggio dell’avversario. A questo punto Faraone offra il gelato pure ai grillini. Matteo Renzi non può più assecondare il sottosegretario in atti di questo tipo. Lo fermi.

“Ragazzi siamo con voi e dal 5 riporteremo il pd nei circoli.”