I carabinieri di Acireale e di Acicatena, in provincia di Catania, hanno denunciato un ragazzo di 15 anni perché sorpreso a spacciare droga all’interno di una scuola di Acireale. Nello stesso tempo hanno fermato anche il presunto fornitore, un ragazzo di 24 anni.

Le indagini dei carabinieri sono iniziate in seguito alla denuncia del dirigente scolastico di una scuola secondaria di Acireale. Il preside aveva denunciato di aver notato il 15enne mentre cedeva alcuni involucri agli altri studenti. I carabinieri hanno appurato che si trattava di sostanza stupefacente e hanno deciso di perquisire l’abitazione del giovane. In seguito ad ulteriori controlli, la perquisizione è stata allargata alla casa di un 24enne.

All’interno dell’abitazione è stata ritrovata una borsa frigo con 194 dosi di marijuana, un piccolo trituratore utilizzato per la macinazione della sostanza stupefacente, due bilancini di precisione e 112 bustine di plastica vuote utili al confezionamento della droga.

Dentro i vani dei contatori elettrici condominiali sono stati scoperte poi due buste in plastica termosaldata con un chilogrammo di marijuana ed un barattolo con 24 dosi della stessa sostanza, pronte per lo spaccio al minuto.  La droga è stata sequestrata, mentre il giovane è posto ai domiciliari.