Quando l’epidemia del coronavirus è ‘esplosa’ in Cina, sui social media sono comparsi post ironici anche con protagonista la famoda birra messicana Corona, quella che si beve in modalità ‘condita’, con sale e limone. Un esempio:

LEGGI ANCHE: Coronavirus, bimba di 17 giorni guarita senza farmaci.

Inoltre, per chissà quale meccanismo mentale, una delle parole più ricercate per conoscere quello che sarebbe diventato poche settimane dopo il virus più ‘ansiogeno’ degli ultimi decenni, è stata proprio «corona» ma anche «coronavirus birra Corona», «Virus Birra Corona» e «Beer virus». Come se ci fosse un nesso tra la birra e il virus che da Wuhan ha infettato quasi tutto il mondo, Italia compresa. Tant’è che l’azienda ha dovuto persino diffondere una nota stampa per auspicare che i consumatori capiscano l’assenza di un collegamento. Purtroppo, però, non è stato così.

Bloomberg (il mass media di economia per antonomasia), infatti, ha rimarcato che l’azienda che distribuisce la Corona negli Stati Uniti d’America, la Constellation Brands Inc, ha perso l’8% alla Borsa di New York in questa settimana. Inoltre, secondo un’indagine di YouGov (società britannica che si occupa di ricerche di mercato), il punteggio relativo alla reputazione del marchio corona è sceso da 75 a 51.

Colpa della psicosi? No, colpa soprattutto di un’ignoranza di fondo alimentata dall’assenza della capacità analitica dei fatti. I social media hanno sì incrementato il tasso di diffusione dell’informazione ma anche diminuito il tempo dedicato a una lettura approfondita della notizia, creando danni come quelli che sta avendo il marchio Corona.