Terribile lutto per Romina Power. È morta, all’età di 66 anni, la sorella Taryn. Ne ha dato notizia, su Instagram, la stessa cantante e attrice: «Taryn ha raggiunto i nostri genitori ieri alle 9:53 a casa sua nel Wisconsin, circondata dai suoi quattro figli ed i suoi quattro nipoti dopo aver com battuto una battaglia di un anno e mezzo contro la leucemia».

Romina, che ha pubblicato una serie di foto sul social media, ha anche scritto: «Lascerà un vuoto immenso poiché era una creatura di luce, una madre eccezionale, nonna amorevole e sorella unica per via del suo humour, generosità e amore per gli animali , la natura e per i meno fortunati. La migliore sorella che abbia potuto avere in questa vita!».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

❤️Taryn

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower) in data:

Romina e Taryn, all’età di 4 e 2 anni, andarono a vivere con la nonna in Messica dopo la separazione dei genitori.

Tre anni più tardi le due bambine rimasero orfane del padre, l’attore Tyrone Power, e vissero quallche anno tra la Francia e la Spagna.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

❤️Taryn

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower) in data:

Una volta cresciute, Romina si trasferì in Italia per la sua carriera artistica, la sorella, invece, nel 1975 si trasferì negli Stati Uniti d’America in maniera definitiva.

Negli anni 90 Taryin visse in una fattoria indiana nel Wisconsin dove di dedicò al ruolo di insegnante per disabili.

Visualizza questo post su Instagram

❤️Taryn

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower) in data:

Taryn recitò in otto film, i primi due in spagnolo, gli altri in lingua inglese. I suoi ruoli più importanti furono quello di Valentine De Villefort nel film Il conte di Montecristo (1975) con Richard Chamberlain, Donald Pleasence e Tony Curtis; e quello di Dione in Sinbad e l’occhio della tigre (1977), interpretato con Patrick Wayne e Jane Seymour, per cui ottenne una nomination ai Saturn Award.