La crudeltà umana è senza limiti e senza confini. Sta facendo il giro del mondo un video in cui un elefante di 15 anni, ‘accusato’ di avere provocato la morte di un monaco anziano (spingendolo), è stato frustato in un tempio buddista nello Sri Lanka.

Il terribile filmato mostra l’animale selvatico, con le gambe incatenate agli alberi, che giace su un pozzo d’acqua a Colombo, e un uomo che lo picchia violentemente alle zampe con dei bastoni. Nel frattempo l’animale si dimena per il dolore e piange, senza potere fare nulla per evitare quel supplizio.

L’elefante – Myan Prince è il suo nome – geme per il dolore e cerca di afferrare una delle catene con la sua proboscide. Condannato a una sofferenza inaudita per avere causato nel febbraio 2018 la morte di un monaco anziano nel tempio, il 77enne Wimalarathana Thero. Tuttavia, il tempio di Bellanwila ha negato quanto diffuso dai notiziari locali, sostenendo che l’uomo sia deceduto a causa di un infarto.

Maneesha Arachchige, attivista di Rally for Animal Rights and Environment, ha affermato di essere preoccupata per Myan Prince perché sembra che subisca violenze in maniera costante. Al britannico Metro, l’animalista ha affermato: «Se non s’intraprende al più presto un’azione, temiamo per la sicurezza e il benessere dell’elefante e di chi lo circonda».

Sui social media, nel frattempo, si stanno moltiplicando messaggi durissimi all’indirizzo dei buddisti e più di 125mila persone hanno sottoscritto una petizione per chiedere che l’elefante venga liberato. Tra l’altro, secondo gli ambientalisti, lo Sri Lanka non è nuovo alla tortura e all’uccisione degli elefanti, avvelenati spesso dai locali perché distruggono i raccolti. Secondo il Movimento per la riforma agraria e terreste, l’85% degli elefanti che muore in quel Paese è a causa della mano dell’uomo.

Se vuoi anche tu sottoscrivere la petizione per la liberazione di Myan Prince, clicca qui. Il video, non adatto a un pubblico sensibile, si trova anche su YouTube.

P.s. Dal tempio di Bellanwila nessuna dichiarazione ufficiale, dopo essere stato contattato dal Daily Mail.