Il judo e la sua sacralità, la capoeira con il suo ritmo, la fisicità della boxe. Sono soltanto alcuni degli ingredienti del Gran galà delle arti marziali e degli sport da combattimento organizzato da Endas Sicilia e da Oxygen Group. Il tutto sotto il coordinamento tecnico del maestro settimo Dan di judo, Francesco Paolo Bondì.

I campi di calcio a 7 trasformati in tatami

Una serata di puro sport che ha visto riempirsi i campi da calcio a 7 del Kalta Club di Palermo, per l’occasione trasformati in tatami. Alle porte dell’estate, al termine di una stagione in palestra, circa 200 allievi di Endas Sicilia e di Fisdir Palermo si sono esibiti nell’impianto di via Beato Angelico. Un’altra festa dello sport a distanza di pochi giorni da quella che c’è stata al Renzo Barbera in occasione del Palermo Festival.

Spazio anche per karate, akido, ju jitsu, fit boxe ed altri sport

Oltre agli sport già citati, spazio anche per ju jitsu, aikido, karate, kick boxing, taekwondo, fit boxe, wing chun e taijiquan. Al termine della kermesse tutti gli atleti sono stati premiati con una medaglia, nell’ottica della filosofia di Endas: partecipare, non vincere.

“È stata una grande emozione rivivere una giornata di arti marziali e sport da combattimento in un clima di intensa festa. Atleti di tutte le età e ragazzi speciali si sono confrontati nelle diverse discipline, per me è motivo di orgoglio dopo circa 50 anni di esperienza rappresentare un così numeroso gruppo. Mi auguro che queste esperienze possano avvicinare sempre più appassionati al nostro mondo”, dichiara Francesco Paolo Bondì.

Assegnato il trofeo regionale di nuoto Endas a Siracusa

Una festa dello sport, a prescindere dal risultato a suon di bracciate e divertimento. Nella giornata di domenica 19 giugno, l’Endas ha richiamato l’attenzione di cento tra bambine, bambini, ragazze e ragazzi provenienti dal Siracusano e dal Catanese fra i 6 e i 16 anni, che hanno partecipato al Trofeo regionale Endas di nuoto al Sun Club, impianto sportivo di Siracusa.

Gli atleti si sono sfidati sulle distanze dei 25 e dei 50 metri nelle diverse specialità: stile libero, farfalla, dorso e rana. Oltre ai nuotatori del Sun Club erano presenti anche i “colleghi” del Kiran Club di Caltagirone.