L’ex attrice Claudia Koll, fondatrice dell’associazione onlus ‘Le opere del padre’ ha incontrato a Palermo il missionario Biagio Conte, da due settimane in sciopero della fame per l’espulsione dall’Italia di Paul, ghanese di 51 anni, in città dal 2010, che vive nella missione “Speranza e carita”.

Un caso preso ad esempio per accendere i riflettori sulle politiche che riguardano i migranti. Biagio Conte da 14 giorni è sdraiato sul giaciglio di cartone sotto la statua del beato Pino Puglisi dove venne ucciso il parroco, nel quartiere Brancaccio. Nel suo giaciglio, dove dorme accanto a Paul, il missionario stamani ha ricevuto la visita di Claudia Koll e hanno pregato insieme. “Ho sentito nel cuore di andare a visitare fratel Biagio – dice Claudia Koll – Ho incontrato la storia di Biagio che mi ha raccontato e tante persone che mi hanno accolto gentilmente e all’inizio non sapevano chi fossi, anche i fratelli africani sono stati molto gentili. Condivido con Biagio la sua fede, il suo amore per i poveri, la scelta forte che ha fatto: capisco che è anche una chiamata difficile. Ho regalato il mio rosario a Biagio perché nelle sue preghiere mi possa ricordare al Signore, e desidero anche pregare per lui”.