Momenti di apprensione per un volo della Ryanair questa mattina nello scalo Falcone Borsellino di Palermo. Il volo da Roma con 170 persone a bordo ha atterrato con il motore danneggiato.

L’impatto è avvenuto con alcuni piccioni ad alta quota quando già il velivolo era in fase di atterraggio.

Sono scattate le procedure di emergenza e i vigili del fuoco e gli addetti della Gesap si sono portati nei pressi della pista.

Fortunatamente tutto si è concluso per il meglio e l’aereo ha toccato terra senza problemi. E’ l’ennesimo caso di bird strike che si verifica nello scalo palermitano.

“Nessuna emergenza e, soprattutto, nessun atterraggio con un motore solo”. La Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo, smentisce la ricostruzione fatta da alcune testate giornalistiche sull’atterraggio di un volo Ryanair proveniente da Fiumicino coinvolto in un episodio di bird strike.

In sintesi, il comandante del volo ha lanciato l’allarme per l’impatto con un volatile alla considerevole altezza di 4.800 piedi, cioé fuori dalla portata della competenza del gestore.

L’impatto è avvenuto sul musetto (come è visibile dalla foto allegata) e non ha compromesso in alcun modo la funzionalità dei motori, come è stato invece erroneamente riportato su alcuni articoli. Non c’è stata nessuna emergenza e nessuna conseguenza per il volo, che è atterrato regolarmente. E’ stato lo stesso comandante, una volta atterrato, a dichiarare la fine dell’allarme.

L’aereo è infatti ripartito come da programma.