Sarà presentato agli allievi dell’Istituto Mursia di via dei Trattati di Roma, a Carini, il 30 maggio alle 11.30, il libro “Ciao, Ibtisam! Il caso Ilaria Alpi” della giornalista palermitana Serena Marotta. Ad incontrare gli studenti ci sarà l’autrice, l’editore di Informazione libera Liborio Martorana e la scrittrice Clotilde Alizzi. L’incontro sarà un’occasione per conoscere la figura di una donna coraggiosa, Ilaria Alpi, inviata del Tg3, che ha perso la vita a Mogadiscio, in Somalia, 25 anni fa, insieme all’operatore Miran Hrovatin, mentre era lì per documentare traffici illeciti che avvenivano in terra somala.

Il libro, edito da Informazione libera, è stato pubblicato il 9 marzo 2018. Si tratta di un’inchiesta dedicata alla giornalista. «Ibtisam» è la traslitterazione della parola araba che significa sorriso. La scelta del titolo nasce dal desiderio di fare un omaggio a Ilaria Alpi, inviata del Tg3, che amava il mondo arabo. Ilaria che tutti ricordano proprio per quel sorriso che non l’abbandonava mai.

Con lei il 20 marzo 1994, a Mogadiscio, c’era l’operatore Miran Hrovatin di Videoest di Trieste. Quello è stato il loro ultimo viaggio. Sono passati 25 anni da quell’esecuzione avvenuta per le strade di Mogadiscio. Venticinque anni senza conoscere la verità, tra depistaggi, false dichiarazioni, ritrattazioni.

“Ciao, Ibtisam” mette insieme i tasselli di un mosaico. Una storia che ha visto susseguirsi e precedere una serie di morti sospette. Casa editrice Informazione libera è nata a Palermo il 9 febbraio 2018. L’idea è di un gruppo di professionisti, tra medici, insegnanti, creativi, artisti, giornalisti per dare spazio alla creatività, a chi ha voglia di esprimersi, di disegnare con le parole. Chi ha voglia di raccontare, di esprimersi raccogliendo le proprie idee: inchieste, racconti, gialli e molto altro.