Noemi Di Stefano e Miki Cianciolo presto, prenderanno il… volo per gli USA. Le due cantanti, infatti, rispettivamente per l’inedto “Canto perché” e per la cover “The Best”, sono le vincitrici del “40° Cantamare”, ideato, organizzato e diretto dal patron Gianni Contino che, anche stavolta, ha dovuto faticare non poco, per allestire uno spettacolo di oltre due ore, vario e ben articolato.

Dopo l’apertura del sipario e un filmato dell’edizione 1986 del Cantamare, la presentatrice, Chiara Torricelli, ha esposto l’importanza dei sogni e, in particolare, la musica nei sogni. Essa, infatti, ha lo stesso potere che ha nella realtà; è un elemento legato al “sentire” che, più di altre esperienze sensoriali, è capace di coinvolgere, emozionare e trasportare oltre la propria banale realtà. Subito dopo, la Conticelli, coadiuvata da un brillante Davide Antico, ha presentato Silvia Celano ed il suo corpo di ballo “Al Khamsa” (Mano di Fatima), che ha eseguito caratteristiche danze orientali, tra le quali la suggestiva danza del ventre con candele, molto apprezzata dal numeroso pubblico. Altro ospite, Daniel Sax, noto sassofonista presente al Cantamare sin dal 1988, che ha eseguito “I Will Always Love You”, celebre colonna sonora del film “Guardia del corpo”; Ad aprire la gara è Raffaella Prencipe (da Foggia) che canta “Notturno”, di Mia Martini, seguita da Roberto Morello (da Palermo), che esegue un successo di Amy Winehouse, “Rehab”. Direttamente da Londra dove si è trasferita da qualche tempo, Elisa La Chiusa canta “And telling You I’m not going”, (W.Houston)..Proveniente da Novara, Lorenzo Concina, esegue “Roxanne” (Sting-The Police). Ancora, “I Will Always Love You” è eseguita da Ana Cosme, vincitrice del “Festival of Song New York 2018” che, a fine esibizione riceve una targa ricordo. E’ il momneto della giunonica Noemi Di Stefano, dalla potente voce, che interpreta un inedito dal titolo “Canto perché”. Sesto cantante in gara, Vincenzo Santangelo (da Milano), col notissimo “I still loving you” degli Scorpions Tra una battuta e una gag dei bravi presentatori, lo spettacolo continua con l’esibizione di Andrea Merlis, da Cagliari, che canta “Fuori dal tunnel” del rapper italiano Caparezza.

Alla fine, su richiesta della presentatrice Chiara Torricelli, Melis accenna dei movimenti di Hip Hop. Sara Pennino, un’allieva dell’”Accademia Internazionale del Musical”, interpreta “I’m telling you” (J. Hudson) ricevendo, alla fine, una medaglia-ricordo del Cantanare. Altra medaglia è data a Claudia Sciortino di Palermo, che esegue “Halo” (Beyonce); segue Giovanni Natoli che propone un suo inedito dal titolo, “Andare avanti”, Direttamente da Berlino, giunge Miki Cianciolo che interpreta un successo di T. Turner; alla fine dell’esecuzione anche per la Cianciolo una medaglia ricordo. Ultimo cantante in gara, Marcello Di Caro (Palermo) che canta “Angelo”, motivo che Francesco Renga dedicò alla figlioletta.

Un’altra esibizione di danze orientali eseguite da Silvia Celano e il suo corpo di ballo,chiude il primo tempo. Seguono dieci minuti di risate,grazie all’inaspettata presenza del brillante Giovanni Nanfa che diverte gli spettatori, narrando alcune barzellette con la solita pacatezza anglo-sicula, che lo contraddistingue. Frizzante inizio del secondo tempo, con “All that jazz”, da Cabaret, eseguito dall’Accademia Internazionale del Musical. Subito dopo, Marzia Molinelli e Luigi Milazzo, eseguono “The Prayer”,un duetto lanciato da Céline Dior e Andrea Bocelli, quindi Lino Zinna, cantante e sosia di Domenico Modugno, esegue un medley di intramontabili motivi dell’indimenticabile “Mister Volare”; con l’esibizione del Duo De Stefani che canta, di.Leonard Cohen, “Halleluja”, ha termine lo spettacolo.

Le vincitrici, Noemi Di Stefano e Miki Cianciolo, a New York prenderanno parte al famoso ““Festival of Song”, gemellato col “Cantamare”. La Giuria, presieduta da Lino Zinna, cantante e sosia ufficiale di Domenico Modugno, era composta da: Maria Romania, titolare del ”Festival of Song di New York”, i giornalisti Franco Verruso e Giancarlo Drago, Marzia Molinelli, cantante e docente presso l’”Accademia Internazionale del Musical-Palermo”, Salvo Maltese, autore e compositore, Emma Stamellutti, insegnante di canto e Marco Lauria, critico musicale. Presente anche l’avv. Salvo Sanfilippo, legale del “Cantamare”, con funzioni di legalità dei votanti e per l’imparzialità e tutela dei finalisti del “Cantamare”. Calato il sipario su questa 40ª edizione, siamo certi che l’instancabile patron, Gianni Contino, già pensa al “Cantamare 2019”, kermesse che di anno in anno, dà la possibilità a tanti giovani d’intraprendere la carriera musicale o canora.

(foto di Angelo Battaglia)