La droga proveniva dalla Campania e dalla Calabria su grossi camion e veniva scaricata a Carini (Pa) in un capannone nella zona di Villagrazia di Carini in via Dominici nella zona industriale dei fratelli Anthonj e Salvatore Basile. Da qui partiva per le varie destinazioni: da Siracusa a Trapani. A Palermo arrivava nascosto tra la frutta dei Piaggio Porter.

TUTTI I NOMI E LE FOTO DEGLI ARRESTATI

Diversi viaggi per evitare di dare troppo nell’occhio. Gli uomini della squadra mobile hanno smantellato un’organizzazione che riforniva diverse basi di spaccio. L’attività di indagine è nata nel 2016 che aveva portato all’operazione Cinisaro con l’arresto di Alessandro Bono che si occupa dell’importazione di cocaina dal Sud America e di Francesco Tarantino che portava a Palermo la cocaina dalla Calabria. Seguendo le attività di Tarantino gli agenti dell’antidroga sono arrivati a Paolo Dragotto e Paolo Di Maggio, arrestati oggi e considerati i capi dell’organizzazione. La droga era fornita da Giovanni Visiello e Savino Intagliatore entrambi di Torre Annunziata (Na). Il corriere dell’organizzazione è Pietro Morvillo, mentre Tommaso Marchese è il cassiere che utilizza l’impianto di carburante in viale Michelangelo a Palermo e la casa dei suoceri Vito Lo Grasso e Angela Caruso come base logistica.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati 4 chili di cocaina l’11 novembre del 2016 arrivata dalla Calabria. Il 21 marzo a Trapani è stato arrestato un corriere a cui sono stati sequestrati 50 chili di hashish e 2 chili di cocaina. Lo stupefacente era stato trasportato in un camper da Morvillo con l’aiuto del partinicese Bongiorno. Il 23 maggio del 2017 sono stati arrestati Giuseppe Flandina e il figlio Vincenzo Paolo a cui sono stati sequestrati 300 chili di hashish nascosti nell’autorimessa alla Zisa. La droga era stata trasportata tra la frutta su due piaggio Porter.

Il 18 gennaio dello scorso anno sono stati sequestrati i 10 chili di cocaina nello stabilimento di Carini. In casa di Basile erano stati trovati 1470 chili di hashish. Altri mille chili di hashish sono stati consegnati il 6 giugno del 2018 e altri 300 chili sempre a Carini il 13 novembre.

“Dalle intercettazioni è emerso – dice il capo della squadra mobile Rodolfo Ruperti – che Di Maggio e Dragotto i capi dell’organizzazione disponevano di una grossa disponibilità economica che gli consentiva di acquistare ingenti quantitativi di hashish. Con questa operazione è stato dato un colpo a diverse basi di spaccio in Sicilia che venivano rifornite dall’organizzazione che poteva contare su solidi contatti con Cosa Nostra. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati diversi esercizi commerciali e abitazioni utilizzati dalla banda come basi dell’attività di smistamento degli stupefacenti”.