L’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha trascorso un intero pomeriggio allo Zen di Palermo. Ha prima celebrato una messa in una parrocchia di San Filippo Neri gremita di fedeli con i primi banchi occupati dai carabinieri.

Un segno per sottolineare il valore simbolico dell’inchino rivolto alla caserma dei militari nei giorni scorsi durante la processione di padre Pio. Dopo la celebrazione l’arcivescovo accompagnato dal comandante provinciale Arturo Guarino ha fatto visita proprio alla stazione carabinieri San Filippo Neri che è diventato un luogo di ritrovo per i bimbi del quartiere.

Erano infatti presenti anche un gruppo di bambini che partecipano alle attività laboratoriali nell’ambito del progetto “varcare la soglia” de “l’albero della vita”.

Come si ricorderà solo pochi giorni fa durante una processione religiosa in onore del santo Padre Pio, il corteo giunto all’altezza della caserma carabinieri ha omaggiato con “l’inchino” la stazione, quale simbolo di vicinanza alle Istituzioni. La visita dell’arcivescovo è stato animato dalle note della Fanfara del 12esimo reggimento carabinieri Sicilia, che si è esibita prima sul sagrato della Chiesa e poi in prossimità della stazione carabinieri, ricambiando la vicinanza dei residenti del quartiere Zen 2.