Antonio Di Liberto è stato raggiunto da almeno quattro colpi di pistola 7,65. Gli uomini della scientifica hanno trovato almeno sei bossoli per terra.

Da una prima ricostruzione pare che Di Liberto sia stato sorpreso da uno o due killer appena fuori la villa e qualcuno ha iniziato a sparare. Il commercialista è riuscito ad entrare in macchina, una Bwm, cercando di fuggire, ma è stato raggiunto e colpito a morte in auto.

Il finestrino del lato guida è esploso sotto i colpi delle pistola semiautomatica. Le indagini sono coordinate dalla Dda e condotte dai carabinieri del nucleo operativo.

Il comandante del nucleo si trova in via Umbria dove questa mattina il fratello dell’ex sindaco di Belmonte Mezzagno e cugino del boss Filippo Bisconti è stato ucciso. In queste ore i carabinieri stanno sentendo tutti parenti e amici. Solo nella villa ci sono le telecamere che pare non abbiano potuto riprendere alcunché.