I carabinieri hanno notificato al 42enne Marco Ricci, il fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Palermo, accusato dell’omicidio dell’ex compagna 36enne,  Anna Maria Scavo.

Il delitto è stato compiuto sabato scorso, nel negozio di calzature in Corso Italia al centro di Carini dove la donna svolgeva le mansioni di commessa, il Ricci l’aveva aggredita con un taglierino alla presenza del figlio minore.

Le indagini hanno permesso di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti del Ricci, che hanno condotto all’emissione dell’odierno provvedimento restrittivo, che adesso deve essere convalidato dal gip nelle prossime ore.

La prima ricostruzione degli eventi fornita da Ricci e dal figlio è risultata incongruente con le successive risultanze investigative, frutto anche di un minuzioso sopralluogo eseguito dai Carabinieri della Sezione Investigazione Scientifiche del Nucleo Investigativo di Palermo. Le indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Annamaria Picozzi.

Ricci è stato portato in carcere.