La nazionale italiana di sciabola abbraccia la città di Palermo: nella mattinata la selezione guidata dal commissario tecnico Giovanni Sirovich ha fatto visita all’istituto comprensivo Giuliana Saladino di Borgo Nuovo – Cep. A seguire gli atleti hanno visitato il centro storico del capoluogo, accolti dall’Esercito Italiano che li ha accolti presso il Palazzo Reale.

Un tour che ha compreso la chiesa della Martorana, i Quattro Canti, il Palazzo delle Aquile sede del comune di Palermo. Qui nella sala delle Lapidi il sindaco Leoluca Orlando ha dichiarato in conferenza stampa: “Palermo è onorata di essere Capitale della Scherma 2019 e sede dei campionati italiani e Paralimpici”.

“Siamo noi che diciamo grazie a Palermo – ha risposto il ct Sirovich -, Palermo ci sta accogliendo con calore, regalandoci un’atmosfera eccezionale. Ne siamo davvero grati”.

A parlare è stata anche Laura Santoro, docente di Diritto Privato e Sportivo all’università di Palermo e Presidente del Comitato organizzatore Palermo 2019: “E’ un onore per me e per ciascuno dei componenti essere partecipi di quest’avventura. E’ una sfida che personalmente ho raccolto con entusiasmo e vedo tanta passione. C’è una mole di lavoro non indifferente che affrontiamo con la voglia di dare alla città un contributo con un evento importante”.

Al termine della conferenza il sindaco ha voluto premiare il presidente federale Giorgio Scarso con la Tessera del Mosaico di Palermo: “Lo merita lui e lo merita la scherma”.

Al termine dell’incontro con la stampa, atleti e dirigenti si sono recati presso il Gonzaga che sarà sede degli allenamenti azzurri, per condividere oltre al pranzo, un momento di incontro con i liceali dell’istituto palermitano e ricevere l’ulteriore entusiasmo.