Snellire gli iter burocratici, agevolare gli esercenti che lavorano nelle aree della Ztl e in cui si trovano i cantieri, stabilire regole certe e definitive per la gestione del suolo pubblico, contrastare gli abusivi. Sono solo alcuni dei temi affrontati durante l’incontro tra Confesercenti Palermo, l’assessore comunale Leopoldo Piampiano e il presidente della commissione Attività Produttive, Ottavio Zacco.

Nei locali dell’associazione di piazza Castelnuovo c’erano Francesca Costa, presidente di Confesercenti provinciale, il direttore Michele Sorbera, il vicepresidente vicario e responsabile dell’area Commercio, Massimiliano Mangano, il vicepresidente e responsabile dell’area Produzione Nunzio Reina e i rappresentanti delle categorie che hanno avanzato le proposte volte a fronteggiare le criticità dei vari settori. Tra queste, la modifica dell’articolo 5, che consentirebbe ai nuovi negozi di estendersi fino a 1500 metri quadri superando il limite dei 200 attualmente previsto per ogni nuova licenza.

“Chiediamo di far arrivare la media distribuzione nel centro città e in particolare in via Roma – ha detto Mangano – perché spesso le grandi strutture permettono di dare un valore aggiunto alle piccole. Il commercio a Palermo vive una situazione drammatica e nonostante in passato siano state previste grandi iniziative, ci ritroviamo ancora con molti immobili chiusi o addirittura abbandonati”.

Poi, la necessità di approvare al più presto il regolamento sui dehors e di stabilire per gli ambulanti un piano definitive: “I fiorai del cimitero di Sant’Orsola – ha sottolineato Reina – vogliono rispettare le regole, ma attendono di sapere come. Noi ascoltiamo ogni giorno le esigenze di chi lavora e che deve essere messo nelle condizioni di farlo nella legalità. Gli acconciatori, ad esempio, rappresentano un’altra categoria in difficoltà: è necessario poter conseguire il riconoscimento professionale sul campo, introducendo la prova d’arte che abbiamo già proposto all’assessorato regionale alla Formazione”.

Ad intervenire, anche il presidente di Assofioristi, Ignazio Ferrante: “La concorrenza sleale provocata dall’abusivismo è ormai ingestibile. Spesso i controlli vengono effettuati soltanto nelle attività in regola e non in quelle che non hanno le autorizzazioni”. Dello stesso parere, Mineo di Assohotel: “Alberghi e e attività in regola vengono tartassati, mentre di molte case vacanze non si conosce nemmeno l’esistenza”. “Anche nel nostro settore gli abusivi si moltiplicano – ha detto Orazio Rubino del direttivo degli autoriparatori – e noi in regola siamo ulteriormente danneggiati. Il Suap dovrebbe essere più efficiente e smaltire le pratiche bloccate”. A chiedere più controlli anche Alessandro Cilano di Fiba: “Non si può continuare ad introdurre restrizioni per chi è in regola, i lidi balneari vengono puntualmente presi di mira e gli ambulanti abusivi restano invece sul lungomare”.

In merito alla Ztl, Confesercenti ha inoltre ribadito la necessità di includere, nel costo del pass giornaliero per la Ztl, almeno due ore di sosta sulle strisce blu”. “Si potrebbe prevedere un abbonamento – ha aggiunto Tony Porzio della categoria Installatori – che include una tariffa per la sosta. Attualmente, se dobbiamo recarci in zona per un intervento o l’installazione di un impianto, dobbiamo sostenere il costo della Ztl e del parcheggio”. Decoro e legalità al primo posto, per Marina Di Gristina, rappresentante delle guide turistiche: “Sarebbe inoltre importante creare degli spazi ad hoc per la sosta dei pullman turistici”, ha aggiunto. “Nella Palermo che vede crescere in modo significativo le presenze turistiche, la rete commerciale, artigianale e dei servizi deve essere necessariamente sostenuta per essere adeguata a questo sviluppo – ha commentato il direttore Michele Sorbera –. Noi come associazione, siamo pronti a collaborare in modo sempre più incisivo con l’amministrazione comunale per fare in modo che tutto il tessuto produttivo palermitano possa crescere insieme al turismo.

“E’ importante intraprendere un percorso che ci permetta di raggiungere più obiettivi possibili – ha detto l’assessore Piampiano – e in questo contesto un grande contributo sarà fornito dalla nuova organizzazione del Suap. L’amministrazione potrà contare su un supporto più efficiente. Sulle richieste di Confesercenti mantengo la massima attenzione, a partire dalla proposta di modifica dell’articolo 5, in merito alla quale ho già sollecitato il presidente del consiglio comunale. Da parte nostra c’è la massima collaborazione”. Ha aggiunto Zacco: “Ribadiamo la disponibilità della commissione ad incontrare i singoli settori per affrontare ogni criticità, specie sugli argomenti che sono di competenza del consiglio comunale e anche in merito al turismo e alla programmazione”. “Un incontro importante che ci ha permesso di stilare una scala priorità con l’assessore alle Attività produttive e il presidente Zacco – conclude la presidente Francesca Costa -. Ringraziamo entrambi per la disponibilità dimostrata alla nostra associazione, perché le esigenze di chi fa impresa in questa città necessitano di risposte sempre più concrete”.