Una nuova intimidazione all’Onorevole Pippo Gennuso al centro di numerose vicende che a seconda dei punti di vista lo vedono parte lesa o parte attiva. Due esemplari di cane corso sono stati uccisi ieri mattina nella villa di contrada San Basilio, in territorio di Ispica dove risiede il parlamentare regionale originario di Rosolini ma con l’abitazione nelle campagne della cittadina iblea.

I due cani corso – scrive il Giornale di Sicilia – erano di guardia nella tenuta agricola dell’esponente della lista Popolari e Autonomisti – Idea Sicilia, tornato alla fine dello scorso mese di luglio a occupare il seggio all’Assemblea Regionale Siciliana dopo il patteggiamento, davanti al gup del Tribunale di Roma, a un anno e due mesi di reclusione per traffico di influenze illecite nell’ambito dell’inchiesta su presunte sentenze pilotate al Consiglio di Stato.

È stato Gennuso a fare la scoperta dei due animali mentre erano ancora agonizzanti. Il parlamentare non ha potuto fare nulla per salvare gli animali, nonostante abbia tentato di soccorrerli.

Lanciato l’allarme sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Ispica ed i medici del servizio veterinario dell’Asp 7 di Ragusa. Sono stati questi ultimi a recuperare i due animali ed a portarli via per scoprire quale sostanza letale sia stata utilizzata per ucciderli.