La disperazione di non sapere come arrivare a fine mese, la paura di perdere tutto, persino la casa, e di ritrovarsi a vivere per strada, senza più un tetto sulla testa.

Una decisione drastica: dare in affitto il proprio utero per regalare il sogno della genitorialità ad una coppia di gay purché paghino le sue rate del mutuo della casa.

E’ la dolorosa storia di una donna di Scicli che non ha ancora 40 anni, madre di due bambini piccoli e moglie di un imprenditore agricolo caduto in disgrazia.

La notizia, raccontata sulle pagine di RagusaNews, è stata resa nota dal movimento dei Forconi.

Una vicenda figlia della crisi dei tempi che ha trasformato in povere milioni di famiglie. I prezzi dei prodotti agricoli nel Ragusano sono calati drasticamente, con il risultato che la famigliola di Scicli, si è ritrovata sul lastrico, senza poter pagare più le rate del mutuo della casa, che adesso verrà venduta all’asta.

Sino ad un anno e mezzo fa la famiglia è riuscita ad onorare il proprio debito con la banca, cosa adesso divenuta impossibile. E così, la donna ha deciso di dare in affitto il proprio utero in cambio del pagamento del mutuo. Non una semplice provocazione – come in molti hanno pensato all’inizio – ma una reale esigenza pur di non perdere quella casa per la quale sono stati fatti tanti sacrifici.

Il leader dei Forconi, Mariano Ferro commenta: “La gente è arrivata all’esasperazione, non sa più a cosa aggrapparsi. Siamo di fronte a un disagio sociale pauroso, che spinge alcuni a fare e a dire cose impensabili. Serve una presa di coscienza politica che ponga un argine a questa deriva”.