Sarà il giudice a decidere se rinviare a giudizio o meno un 33enne di Noto che avrebbe causato un incidente stradale in cui morirono due ragazzi minorenni. A Giuseppe Di Giovanni è stato notificato l’avviso di conclusione indagini per il reato di omicidio stradale con l’aggravante di essersi dato alla fuga.

L’iincidente stradale avvenne nella notte del 19 febbraio scorso e rimasero vittime due minorenni che erano in sella ad un ciclomotore: Manuel Petralito e Gabriele Marescalco, rispettivamente di 16 e 17 anni. Il giovane fuggì dopo l’impatto.

Secondo quanto accertato l’uomo, “con grave colpa”, avrebbe causato la morte dei due ragazzi non adeguando la velocità alle condizioni di circolazione notturne, non rispettando il rispetto del limite di velocità urbano di 50 km/h – avrebbe viaggiato a circa 110 km/h – e avrebbe invaso la corsia opposta di marcia scontrandosi il ciclomotore e facendo balzare in aria i due minorenni, che morirono per l’impatto con il suolo. Tra i gravi elementi indiziari acquisiti dagli investigatori anche la conferma dell’assunzione di sostanze alcoliche.