Non erano idoneei al consumo 20 mila chili di  limoni  turchi che sono stati posti sotto sequestro dalla Forestale, al termine di una operazione contro la frode alimentare.

“Nel corso del controllo svolto presso – spiegano dalla Forestale- un’azienda importatrice di prodotti ortofrutticoli di Siracusa sono stati sequestrati oltre ventimila chili di limoni varietà Meyer di provenienza Turca. Il provvedimento si è reso necessario in quanto gli stessi agrumi non presentavano le caratteristiche idonee all’immissione al consumo, come stabilite dalla normativa comunitaria prevista dal regolamento”. Come sostenuto dalla Forestale i prodotti saranno distrutti.

“Nel nuovo anno si procederà alla intensificazione dei controlli congiunti tra Icqrf Sicilia e Corpo forestale della Regione Siciliana per contrastare le forme illegali di commercializzazione, con particolare riguardo alle merci agroalimentari importate e spacciate come italiane tanto a difesa, sia delle produzioni nazionali, ivi compresi i prodotti di qualità Dop, Igp e biologici, sia della sicurezza alimentare per i consumatori” fanno sapere dalla Forestale.

Sulla vicenda è intervenuto l’assessore regionale all’Agricoltura Edy Bandiera.

“Non abbassiamo la guardia. Proseguiamo – dice Bandiera- a ritmo serrato e in maniera capillare l’attività di controllo, tracciabilità e contrasto alla contraffazione sui prodotti agroalimentari in import/export in Sicilia, a difesa della salute dei consumatori e a tutela delle produzioni locali di qualità. In due anni di attività, abbiamo Effettuato ben 2.950 controlli presso porti, aeroporti, grande distribuzione organizzata, mercati all’ingrosso e magazzini; circa 20 mila analisi di laboratorio e oltre 166 sono state le intercettazioni di vegetali e prodotti vegetali, non conformi alla vigente normativa europea in materia di barriere fitosanitarie”