Una lettera anonima ricolma di offese e minacce, indirizzata al procuratore capo Luigi Patronaggio, è arrivata ieri in Procura, ad Agrigento. Il riferimento è stato, ancora una volta, ai migranti e agli sbarchi. La busta bianca è stata intercettata, nell’area del metal detector, dalle guardie giurate della Ancr. L’indirizzo: ‘”Dottor Patronaggio” sarebbe stato scritto con un normografo, verosimilmente per non lasciare indicazioni sulla calligrafia. A confermare l’arrivo della lettera, stamani, sono state fonti della stessa Procura.

Per il procuratore di Agrigento si tratta della seconda intimidazione ricevuta nel giro di due settimane. Il 10 giugno è arrivata sulla scrivania di Patronaggio una lettera contenente un proiettile con minacce di morte indirizzate allo stesso procuratore ai suoi tre figli. “Questo è un avvertimento, la prossima volta, se continuerai a fare sbarcare gli immigrati, passiamo ai fatti. Contro di te e ai tuoi 3 figli”, questo il messaggio. Nel settembre scorso minacce di morte e un proiettile eano state indirizzate al indirizzate al procuratore capo di Agrigento.