Un’imbarcazione con 29 migranti, 15 uomini, 11 donne e 3 minori, è giunta a largo di Lampedusa ed è stata soccorsa dalla Guardia costiera. Le persone sono state portate nel centro di accoglienza dell’isola. E’ il secondo arrivo di migranti in 24 ore sull’isola delle Pelagie.

Ieri un’imbarcazione con 44 migranti era stata soccorsa, sempre a largo di Lampedusa, da una motovedetta della capitaneria di porto. I 44 migranti che erano a bordo, la maggior parte tunisini, con donne e bambini, si trovano già nel centro di accoglienza dell’isola.

Intanto sono 33 i migranti (in gran parte tunisini e algerini) rintracciati dai carabinieri dopo un pomeriggio e una notte di ricerche sia sulla statale 115 che nelle campagne di Siculiana (Ag), dopo lo sbarco avvenuto ieri, sulla spiaggia di Pietre Cadute, tra i bagnanti che affollavano l’arenile.

Le ricerche sono ancora in corso per rintracciare eventuali altri migranti. Intanto stamani è scattato un nuovo allarme: qualcuno ha segnalato ai carabinieri che, nella la pineta, c’era un gruppetto spaesato di extracomunitari. Ma quando i militari sono giunti sul posto, non hanno trovato nessuno. L’imbarcazione che i migranti hanno utilizzato, uno scafo di circa 10 metri, è rimasta sull’arenile. Finora è stato vano ogni tentativo di rimorchiarla fino al porto.