“Ho scelto di passare il mio 25 aprile qua in Sicilia per gridare al mondo che noi tutti assieme la mafia la sconfiggeremo”.

Il vice premier Matteo Salvini e leader della Lega ieri a Caltanissetta per sostenere il candidato sindaco Oscar Aiello in corso Umberto I .

“Cambiare si può. Sono molto orgoglioso di avere stamattina inaugurato con la benedizione del vescovo il nuovo commissariato della Polizia di Stato a Corleone, nel cuore di quella piana che ahimè, per molti paesi è famosa nel mondo solo per la mafia.

Qui ci sono una marea di giovani che hanno voglia di lavorare-continua Salvini- di costruire, di mettere su famiglia, di non scappare, troppi ragazzi siciliani purtroppo sono costretti ad andare via e mi piacerebbe che per molti giovani siciliani il futuro sia qua.

Chi sceglie il simbolo della Lega domenica 28 aprile a Caltanissetta fa una scelta chiara- aggiunge il vicepremier- e noi abbiamo idee chiare, per tutto quello che arriva dal comune, case popolari, bonus bebè, bonus affitto , bonus famiglia, prima vengono gli italiani, prima i cittadini di Caltanissetta, e poi tutto il resto del mondo, ma prima viene chi è nato qui, chi paga le tasse qui da tanti anni, chi ha sudato qui”.

BlogSicilia aveva incontrato prima dell’arrivo di Salvini, il candidato sindaco Aiello.

“I nisseni sono stanchi della vecchia politica e Caltanissetta ha voglia di cambiamento. Oggi l’unica proposta concreta di cambiamento è quella della Lega che sta puntando su un candidato giovane ma con esperienza politica in seno al Consiglio Comunale e senza zavorre- dice Oscar Aiello-“.

Avvocato, 39 anni, già consigliere comunale dal 2009, ex forzista, è il candidato sindaco della Lega di Matteo Salvini, che a Caltanissetta correrà da sola.

“Ho deciso di mettere la mia esperienza al servizio della città-precisa Aiello- senza scendere a patti con nessuno e senza compromessi.
Chi ha scelto di scendere a patti, pur di vincere non potrà mai governare liberamente.
Bisogna fare immediatamente chiarezza sull’ammontare del debito ATO-aggiunge Aiello- nell’incertezza è quasi impossibile programmare l’attività amministrativa.

Per potere iniziare occorre rivedere da subito l’organigramma della macchina comunale. Occorre mettere le persone giuste al posto giusto, valorizzando le professionalità di ogni dipendente comunale.
I punti salienti del mio programma, il cui testo integrale è pubblicato su www.oscaraiello.it, sono lo sviluppo economico, e il potere creare opportunità e fungere da facilitatore per nuovi posti di lavoro, non essendo competenza diretta del sindaco.

La sicurezza e la vivibilità del centro storico e di tutte le aree urbane- aggiunge il candidato sindaco-la valorizzazione del territorio sono solo alcuni delle priorità, attraverso la promozione di tutte le processioni religiose e le tradizioni cristiano-popolari ed enogastronomiche, in particolare con la promozione nazionale ed internazionale della Settimana Santa , del Museo delle Vare e della Real Maestranza. Inoltre, abbiamo in cantiere la proposta di apertura all’interno di Palazzo del Carmine di un Ufficio Periferico delle Politiche Agricole e del Turismo”.

Sono certo- conclude Aiello- che andremo al ballottaggio, grazie al contagioso entusiasmo del nostro leader, poi decideremo cosa fare, anche se ho già idee ben chiare a riguardo.