Il Catania non  giocherà a Potenza la gara di Coppa Italia di Serie C, in programma oggi pomeriggio. E’ la decisione del club rossoazzurro dopo la”vile e vergognosa aggressione subita oggi dall’amministratore delegato Pietro Lo Monaco da parte di ultras catanesi”, come è stata definita in un comunicato ufficiale.

Lo Monaco è stato aggredito, secondo quanto riferito nella nota, a bordo della nave traghetto durante il viaggio per raggiungere Potenza. Una situazione, si legge ancora, “già prevedibile alla luce dello striscione intimidatorio esposto in città e di quanto denunciato dal nostro amministratore delegato in occasione della conferenza stampa tenuta ieri”,  e che “ci obbliga a fermarci. Conseguentemente, la squadra rientra a Catania“.
Secondo quanto raccontato dal sito del quotidiano La Repubblica, “Lo Monaco è stato colpito al volto, ha perso sangue dal naso e gli si sono rotti gli occhiali da vista”.
Ieri, lo stesso Lo Monaco si era dimesso dalla carica di direttore generale del club etneo, rispondendo alle critiche e ai dubbi su un possibile fallimento della società, che ha dovuto giocare l’ultima partita di campionato a porte chiuse per l’impossibilità di pagare gli steward, ma adducendo anche motivi di salute.

Ieri, il presidente della Lega di Serie C, Francesco Ghirelli, aveva espresso solidarietà a Lo Monaco: “Il suo carattere può piacere o no ma è indubbio che il calcio a Catania ha bisogno di lui. A volte è più efficace dire pochissime parole affinché ciò che si pensa sia chiaro”.