Applausi e sorrisi per l’evento al Sal di Catania a cui ha preso parte il make-up artist italiani, Diego Dalla Palma. Una serata molto partecipata che ha messo al centro l’evoluzione del make-up dagli anni ‘80 fino ad oggi, il suo valore culturale e sociale, la capacità di dettare nuovi trend, l’influenza esercitata sui consumi quotidiani fino l’avvento di nuove soluzioni sempre più green ed eco-friendly. Sul palco presentato dal conduttore televisivo e giornalista Salvo La Rosa, anche Antonio Pacino, odontoiatra presso una clinica di Catania.

“Il motivo che mi ha spinto ad accogliere l’invito è la convinzione che anche nel mondo della cosmetica l’innovazione sia un tema importante e naturalmente condiviso. Innovare significa accettare la sfida di cambiare e la mia esperienza professionale mi ha portato spesso di fronte alla scelta di nuovi prodotti, a cambiamenti dettati dai beauty trend, all’evoluzione delle tecniche adottate per rendere le donne sempre più belle”, ha detto Dalla Palma che ha affrontato i temi della cosmesi internazionale.

L’event, voluto da Iqos, è servito anche a innescare un dibattito sui temi della fumo di sigaretta e i suoi danni. Dall’invecchiamento della pelle alle macchie sui denti causati dal fumo anche quelli di natura estetica. Partendo dal mero cattivo odore, che può diminuire la gradevolezza della presenza in pubblico, esistono infatti anche altri segnali ben visibili dei danni prodotti dal fumo, come la perdita della lucentezza della pelle o l’ingiallimento di dita e denti, che possono penalizzare l’estetica di una persona. In Italia il fumo interessa più di 11 milioni di persone, poco meno la metà delle quali donne. “Nella mia professione – ha detto Antonio Pacino – ogni giorno mi confronto con pazienti che hanno problemi generati dal fumo di sigaretta; i danni da fumo sui denti sono considerevoli e spesso molto visibili indotti principalmente dalla combustione della sigaretta che incide significativamente sia sulla colorazione che sull’igiene orale”.