Coltivazione e produzione di sostanza stupefacente nonché detenzione illegale di arma comune da sparo e relativo munizionamento.

Sono le accuse mosse dalla polizia di Catania a Salvatore Zammataro, 65 anni bloccato ieri da personale della Squadra Mobile di Catania – “Sezione Antidroga”, nell’ambito delle attività finalizzate ad infrenare il fenomeno del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti-.

Il blitz è scattato nell’abitazione di Zammataro e nell’appezzamento di terreno di sua pertinenza, in contrada Cava, agro di Scordia. Nel terreno, ben occultate tra la parete rocciosa e la folta vegetazione che affolla il perimetro della proprietà, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato due coltivazioni di cannabis indica, consistenti in 1100 piante dell’altezza media di cm. 30.

Le coltivazioni erano servite da un sistema di irrigazione a goccia, composto da tubi neri in plastica collegati a un tubo centrale di diametro più grande a sua volta collegato al pozzo di acqua posto sotto l’abitazione del prevenuto.
L’impianto idrico era fornito di un autoclave che era attivata da una presa elettrica installata all’interno  dell’abitazione.

All’interno della stessa abitazione è stata rinvenuta e sequestrata una pistola cal.6,35 con caricatore rifornito e numerosi proiettili.

Per Zammataro è scattato l’arresto in flagranza e per le coltivazioni il sequestro in vista della distruzione