Intorno alle 13 di ieri, l’equipaggio di una Volante è intervenuto presso l’incrocio semaforico di via Vincenzo Giuffrida a Catania dove numerosi cittadini avevano segnalato, sulla linea di emergenza 112, la presenza di alcuni individui di nazionalità straniera molesti i quali pretendevano a ogni costo di lavare i vetri delle autovetture in transito.

Giunti sul posto, gli operatori hanno identificato i soggetti lì presenti, tra cui il nigeriano Osewmwgie Monday, 23 anni, il quale, però, ha reagito in modo violento al controllo, aggredendo i poliziotti i quali, dopo una breve colluttazione, sono riusciti ad immobilizzarlo.

L’uomo è stato condotto presso gli uffici della Questura in stato di arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale.
Per l’uomo, il P.M. di turno ha disposto che venisse trattenuto presso le Camere di sicurezza della Questura, in attesa del giudizio per direttissima.

Sempre nel pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti, durante il normale servizio di controllo del territorio, hanno intimato di fermarsi per un controllo a un individuo sospetto che stava percorrendo la via Teseo a bordo di una Peaugeot 308.
L’uomo, tuttavia, non solo non ha ottemperato all’ordine, ma ha anche tentato di far perdere le proprie tracce, percorrendo ad altissima velocità le affollate strade cittadine.
Dopo un lungo inseguimento operato da due Volanti, però, è stato bloccato in località Acicastello.
L’uomo, identificato per R.A., un giarrese di 25 anni, alla luce della grave condotta posta in essere, è stato arrestato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale; trovato in possesso di una modica quantità di cocaina, è stato segnalato alla Prefettura ai sensi del D.P.R. 309/90.

Continuano incessanti in tutte le provincie siciliane i controlli per riportare sulle strade, soprattutto delle grandi città, ordine e legalità. Fondamentali, come nel caso del lavavetri fermato dalla polizia, le segnalazioni dei cittadini alla linea di emergenza 112.