Soddisfazione: “Ho un bella notizia da darti”. Stupore: “15 mila euro in una volta sola non li avevo visti in vita mia”. Paura: “Dobbiamo andare in un posto dove non ci sono telecamere”. Precauzioni: “Spegni il telefonino, togligli la batteria”. Ma non bastano.

La voce del consigliere comunale di Aci Catena, Orazio Barbagallo, presidente della commissione Bilancio, è intercettata dalla Dia di Catania mentre parla con il suo sindaco, Ascenzio Maesano e l’imprenditore Giovanni Cerami, che sono stati fermati per corruzione contraria ai doveri d’ufficio.

Al centro dei colloqui, ritiene la Procura distrettuale etneauna tangente da 15 mila euroche l’imprenditore ha consegnato al consigliere comunale, che l’ha poi equamente divisa con il sindaco, per il rinnovo del contratto di fornitura del servizio di assistenza e manutenzione dei sistemi software e hardware del Comune di Aci Catena e l’aggiudicazione del progetto esecutivo ‘Home Care’ finanziato dall’Unione europea con 252.000 euro.

Ma contratti tra l’imprenditore e il Comune risalirebbero al 1996, e si sta indagando a “tutto campo” .  In una telefonata di Barbagallo con Cerami durante la quale i due, usando un linguaggio criptico, avrebbero concordato di vedersi di lì a poco: “vieni vestito leggero, leggerissimo… mi capisci? E poi ci andiamo a prendere qualcosa in campagna”, dice il consigliere comunale.

L’imprenditore, secondo gli investigatori, comprende che il linguaggio criptico sia un invito a lasciare a casa il cellulare, risponde: “Ho capito… facciamo questa gitarella con la famiglia…”.

E’ un Barbagallo invece soddisfatto quello che chiama il sindaco per avvisarlo di “avere una bella notizia” da dargli. Si vedono in campagna in un posto isolato, e per evitare di essere ascoltati alzano anche il volume della radio. Ma la Dia intercetta le loro voci mentre si dividono a metà i 15 mila euro: “se te ne devo dare di più dimmelo…”, dice Barbagallo.

Ma Maesano si dice soddisfatto: “no, sono giusti…”.

far

 

GLI INVESTIGATORI: L’INCHIESTA VA AVANTI 

LA TANGENTE DA 15 MILA EURO DIVISA