Uno scontro terribile è stato quello che ha spezzato le vite di Lucrezia Diolosà Farinato, 28 anni, Salvatore Moschitta, 20 anni, Manuel Petrosino, 17 anni, Erika Germanà Bozza, 15 anni. La Seat Leon sulla quale viaggiavano si è letteralmente spezzata in due dopo il violento impatto con lo spartitraffico dello svincolo sulla SS 121 Catania-Paternò. Unico superstite della tragedia è il quarantenne G. C, ricoverato al Cannizzaro di Catania grave, con una serie di fratture multiple, ma non in pericolo di vita. L’auto spezzata in due: shock ad Adrano

Una serata di divertimento, trascorsa in un locale di Aci Castello, era stata per il gruppo di amici che nel giro di un istante si è trasformata in una sciagura poco dopo le 4.30 del mattino, lungo la carreggiata che porta verso Adrano. Sulla dinamica dell’incidente indagano i carabinieri di Belpasso ma fondamentale sarà la ricostruzione fornita dall’unico superstite della tragedia. La Procura intanto aprirà un fascicolo per verificare se il 40enne si trovava alla guida sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti.

Secondo le prime ricostruzioni, l’auto procedeva a velocità sostenuta ma, dopo una frenata di oltre 50 metri, il conducente avrebbe perso il controllo dell’auto che ha sbattuto con una violenza inaudita in uno spigolo del guardrail. Talmente forte è stato l’impatto che l’auto si è spezzata in due parti facendo sbalzare fuori due corpi. Una porzione della Leon è anche volata già dalla rampa della statale.

Intanto il comune di Adrano è in lutto per la morte dei quattro giovani che erano tutti imparentati. Come tutti i ragazzi amavano la musica, il divertimento. Lucrezia, che conviveva con la persona che guidava l’auto, lascia due figli, una bimba di tre anni e un bambino di 8. Salvatore Moschitta era suo cugino, faceva il bracciante agricolo e aveva iniziato una convivenza con Erika Germanà Bozza. I due ragazzi avevano deciso di “fuggire” insieme e coronare il loro sogno d’amore. Manuel Petrosino era il migliore amico di Moschitta. Il ragazzo qualche ora prima della tragedia aveva postato sui social due video che lo ritraevano, assieme ai compagni, felice in discoteca.

Ora Adrano piange. Nel corso delle prossime ore sarà deciso il giorno dei funerali che si preannunciano strazianti. Con molta probabilità saranno celebrati nella stessa chiesa e il sindaco proclamerà il lutto cittadino.