I primi accertamenti sul dna confermano che il 37enne operatore sanitario dell’Oasi di Troina fermato dalla polizia di Enna il 7 ottobre scorso per violenza sessuale è il padre del bambino che aspetta una giovane disabile ospite della struttura, rimasta incinta mentre era positiva al Covid19.

E’ quanto emerge dalla comparazione del materiale biologico dell’indagato e del feto disposto dal procuratore Massimo Palmeri e dai sostituti Stefania Leonte e Orazio Longo. L’esame è stato possibile grazie a una moderna tecnica che ha permesso l’estrapolazione del dna del nascituro con esami eseguiti sul sangue della mamma e che ha dato una compatibilità del 99,9%.

Sul neonato sarà successivamente compiuta una successiva estrazione del Dna per una ulteriore conferma. Il sospettato, durante l’interrogatorio della Squadra mobile della Questura di Enna, aveva confessato il reato ed era stato fermato.

Il provvedimento è stato poi confermato dal gip. La Procura ha acquisito anche le perizie di due esperte, una neuropsichiatra e una psicologa che hanno sostenuto quanto dichiarato dai testimoni alla polizia: la totale incapacità della giovane a dare il proprio consenso a un rapporto sessuale, poiché rispondente con difficoltà ai bisogni primari.

La famiglia era stata informata della gravidanza della giovane, giunta ormai alla 25esima settimana, solo il 10 settembre. Il giorno dopo, attraverso un avvocato, ha presentato la denuncia.

La violenza è avvenuta ad aprile, mentre all’Oasi si era sviluppato un focolaio di Covid19 e mentre la vittima era ricoverata nel reparto allestito per i pazienti positivi al virus. Intanto, la famiglia della donna ha avuto il benestare per il trasferimento della giovane, che tra qualche mese darà alla vita il bimbo, in una struttura idonea.

Un’ipotesi investigativa che prende corpo è che “l’indagato abbia reiterato nel tempo il reato di violenza sessuale”. Sono in corso indagini per verificare se l’uomo abbia avuto in affidamento altre donne nell’Oasi di Enna. Al termine dell’analisi dei dati raccolti dalla squadra mobile, la Procura valuterà se disporre accertamenti medici per verificare l’ipotesi di casi di eventuale violenza sessuale su altre ospiti della struttura.