Battuta ‘politicamente scorretta’ sui social da parte di Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato della Repubblica e senatore di Fratelli d’Italia.

A proposito del coronavirus, infatti, il politico di Paternò ha scritto: «Non stringete la mano a nessuno, il contagio è letale. Usate il saluto romano, antivirus e antimicrobi». Dopodiché La Russa ha aggiunto anche tre faccine con le mascherine, associando così il post all’epidemia. Il contenuto è stato rimosso successivamente, quando ormai la ‘frittata’ era fatta, dando la colpa a un suo collaboratore: «Alfonso ha messo sui miei social un post ironico ma forse sul virus potrebbe suonare fuori luogo e gli ho detto di toglierlo».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, insegnante contagiato: “Guarito con whisky caldo e miele”.

Su Facebook non s’è fatta attendere la reazione di Paola Taverna, senatrice del MoVimento 5 Stelle: «Ignazio Benito Maria La Russa, di Fratelli d’Italia, si fregia di essere vicepresidente del Senato. Peccato che oggi sui suoi social se ne esca così, affrontando un tema serio come il Coronavirus con un allarmismo e una superficialità disarmanti. Poi, forse rendendosi conto che le sue parole avrebbero potuto puzzare di apologia del fascismo, ha cancellato tutto. Forse mentre lo scriveva pensava agli anni passati, quando da segretario regionale del Fronte della gioventù andava per le vie di Milano insieme ai suoi amici camerata. Per fortuna l’idiozia ancora non è contagiosa».

Sulla ‘vicenda’ è intervenuto anche Emanuele Fiano del Partito Democratico: «Grave e imbarazzante che il vicepresidente del Senato faccia ironia sul virus di cui tutto il mondo parla da giorni e che sta seminando vittime e angoscia. Ancor più grave che La Russa usi il coronavirus come spot per il saluto romano, il saluto usato dai fascisti e dai nazisti, vietato dalla legge del Stato che nasce dalla Costituzione antifascista. Se non è stato lui a scrivere quel post, si scusi chi l’ha scritto, l’ironia ha dei limiti. La Russa è un uomo delle istituzioni, visto che lui stesso lo ha fatto togliere vuol dire che anche lui lo sa che su certe cose non si scherza».