A Pomezia, comune della città metropolitana di Roma Capitale, una donna di 57 anni è evasa dai domiciliari e ha rubato una bambola da un negozio di prodotti per la casa e articoli da regalo.

La donna, originaria di Roma, ha cercato di custodire la refurtiva nel giubbotto, cercando di farla franca, ma una commessa l’ha notata e i Carabinieri della Compagnia di Pomezia l’hanno arrestata.

Il fatto curioso è successo ieri pomeriggio, martedì 23 novembre: la donna si è allontanata dai domiciliari, dov’era già sottoposta agli arresti domiciliari e – come riportato su IlCorriereDellaCitta.com – è entrata in un negozio che si trova nel centro urbano di Pomezia. Qui si è impossessata di una bambola che ha cercato di nascondere sotto il giubbotto. Tuttavia, la 57enne è stata sorpresa da una commessa che ha provato a bloccarla ma la ladra l’ha spintonata e aggredita.

I carabinieri, però, subito allertati, sono intervenuti tempestivamente sul posto e hanno così arrestato la donna, che è stata ricondotta in casa, in attesa di celebrazione del rito direttissimo dinanzi al Tribunale di Velletri. Non si conosce il motivo per cui l’evasa abbia deciso di rischiare di tornare in carcere per una bambola.