Il mese scorso l’INPS, in modalità Babbo Natale, ha anticipato l’erogazione del reddito di cittadinanza per permettere ai beneficiari di trascorrere le festività nel migliore dei modi, ovvero alcuni giorni prima del 25 dicembre.

Nel mese in corso, però, la situazione torna a quella consueta: ovvero i pagamenti saranno disponibili sulle carte non prima del 27 gennaio, che è un lunedì. Ciò non vale, però, per chi ha richiesto di accedere alla misura nel dicembre scorso, motivo per cui bisognerà attendere prima la ricezione della card da parte delle Poste Italiane, ovvero dopo il 15 gennaio, e la ricarica sarà accreditata contestualmente.

Inoltre, per quanti hanno presentato la domanda per l’accesso al reddito di cittadinanza in questo mese di gennaio 2020 – e l’esito è stato favorevole – dovranno aspettare il 15 febbraio, o qualche giorno dopo. Ciò perché l’erogazione del reddito cittadinanza decorre dal mese successivo alla presentazione della domanda.

Infine, è importante ricordare che, per continuare a percepire il reddito di cittadinanza, sarà necessario richiedere un nuovo Isee aggiornato con redditi e patrimoni relativi al 2019. Il nuovo Isee va presentato entro il 31 gennaio altrimenti si rischia la sospensione dei pagamenti.